BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

ESCLUSIVA/ Calori: il Portogruaro è la storia di Davide contro Golia...attenta Inter!

Pubblicazione:domenica 16 maggio 2010

calori_alessandro_R375_15MAG10.JPG (Foto)

In un calcio, quello del terzo millennio, sempre più ostaggio del business economico, c’è ancora spazio per i sogni. Non si potrebbe spiegare in altro modo la favola che ha visto il Portogruaro protagonista di una storica (la prima) promozione in serie B. Il timoniere di questa squadra è Alessandro Calori, ex difensore fra le altre squadre di Udinese e Perugia, che in questa intervista concessa in esclusiva a ilsussidiario.net spiega l’impresa della sua compagine. Calori allena il Portogruaro da un anno e mezzo (febbraio 2009) e in questo lasso di tempo ha superato quota ottanta punti, centrando prima la salvezza e poi finendo al primo posto. L’allenatore toscano non trattiene l’emozione per un traguardo così ambito: «E’ una cosa fantastica perché quando uno inizia un lavoro si augura sempre di realizzare quello che vuole. Si provano un misto di emozioni da tenere per sé e da estendere agli altri. Siamo contenti di aver dato gioia a tutti i tifosi.

 

E’ tutto così speciale». In molti, invece, si ricordano (ma ingenerosamente dimenticano i successi raggiunti con l’Udinese e con il Brescia) il Calori calciatore solo perché, esattamente dieci anni fa (14 maggio 2000) con un gol nel diluvio di Perugia stese la Juventus e consegnò lo scudetto alla Lazio. Alla vigilia di Siena-Inter abbiamo cercato di capire come preparano queste partite le formazioni che non hanno più nulla da chiedere al campionato: il Perugia di Mazzone allora, il Siena di Malesani oggi.

 

Mister, è consapevole di aver riscritto la storia di una società?

Per un allenatore è importante perché sono le vittorie quelle che fanno il curriculum.

 

La serie B è un campionato difficile. Il Portogruaro dovrà cambiare molto per competere in questa categoria?

Parecchi giocatori hanno il contratto in scadenza, ma non c’è ancora un piano. Verranno valutati tutti gli aspetti. Senza assilli. C’è però da dire una cosa: ognuno di loro verrà ricordato per la promozione in serie B, poi verranno le altre valutazioni.

 

E l’allenatore cosa farà?

Nessuno è sicuro. Parleremo con la società.

 

Il suo inizio da tecnico non era stato facile, dove ha trovato la forza per continuare a credere in quello che faceva?

Ho avuto la fortuna/sfortuna di iniziare subito la serie B (2005), quando ancora non ero pronto. Mi sono ritrovato con una proprietà difficile (con il presidente Tonellotto a Trieste) e dopo due giornate eravamo in testa al campionato. Poi è andata male, ma la colpa è anche mia, perché ho peccato di inesperienza: non ero pronto per fare l’allenatore.

 

CALORI E LA SFIDA TRA SIENA E INTER CONTINUA A LEGGERE CLICCA SOTTO


  PAG. SUCC. >