BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

INTER SCUDETTO 18/ E' la vittoria del gruppo, è la vittoria di Mourinho

Il quarto scudetto nerazzurro vinto sul campo è frutto del lavoro di squadra

mourinho_saluta_R375x255_12apr10.jpg (Foto)

Ha vinto l'Inter, ha vinto per la seconda volta consecutiva Josè Mourinho. Il 18esimo Scudetto della storia nerazzurra è sembrato per certi versi un remake del 16esimo vinto sotto la pioggia di Parma, con la Roma principale antagonista che all'ultima giornata accarezza il sogno di vincere il campionato. Dietro a questa vittoria però, non ci sono le magie ed i capricci di Ibrahimovic, non c'è quello strapotere fisico che spesso risultava decisivo ai fini del risultato. Quest'anno in casa Inter sono cambiate molte cose, lo svedese non c'è più, è fuggito a Barcellona sperando di poter vincere la Champions League, manifestazione che sabato prossimo i nerazzurri proveranno a portare a Milano, Bayern Monaco permettendo.

E' arrivato Samuel Eto'o, il camerunense dai doppi polmoni, in questo modo Mourinho ha potuto cambiare gioco, niente più lanci ad Ibra, solo tocchi di prima, spirito di sacrificio, anche perchè in attacco c'è stato sempre l'implacabile Diego Milito, un altro attaccante di razza entrato alla Pinetina in punta di piedi. E' stato il suo campionato, 22 gol al primo anno all'Inter, dietro solo al capocannoniere Di Natale che ha sfiorato i 30 gol. Parlavamo del gruppo, in questa Inter non c'è stato spazio per le "prime donne", lo ha capito anche Balotelli che dopo i capricci da star si è adeguato al "sergente Mourinho" e ad un gruppo che ad ogni partita si cementava sempre di più. Un campionato per nulla facile, anche se dopo pochi mesi qualcuno aveva già messo fuori il cartello "Game Over". Ma l'Inter nel finale ha accusato le fatiche di Champions dove è riuscita ad arrivare in finale passando tra mille difficoltà. Onore ad una Roma sublime, capace di rimontare il distacco, grazie anche ad un grande Claudio Ranieri, artefice del mezzo miracolo giallorosso.

Ora i nerazzurri potranno festeggiare solo per poco la conquista dello Scudetto, sabato prossimo si va a caccia del trofeo più ambito, la Champions League, che nella bacheca di Corso Vittorio Emanuele manca dal 65'. L'Inter e Mourinho proveranno a fare il "triplete", dopo la vittoria in Coppa Italia ed il Campionato e in attesa di conoscere il futuro dello Special One, che potrebbe lasciare da eroe per volare a Madrid e tentare di riportare in alto il Real di Perez.