BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

CHIEVO ROMA/ L'ultima (amara) vittoria in una stagione da lacrime e applausi

Pubblicazione:lunedì 17 maggio 2010

totti_sconsolato_r375x255_05mag10.jpg (Foto)

 

I TIFOSI. I meriti sono tanti. E potrebbero essere annotati in una lista lunga quasi quanto quella dei convocati che non può non comprendere anche i tifosi. Sì proprio gli stessi che domenica pomeriggio hanno deciso di affollare e colorare lo stadio veronese in ventimila, cifra più cifra meno. Uno stadio colorato di giallorosso con striscioni, bandiere, magliette e semplici voci. Un popolo che durante questa stagione ha camminato in massa da Roma a Bari, passando per Parma, Torino e, appunto, Verona. Fino a domenica sera, quando, davanti all'aeroporto di Fiumicino, c'erano 2.000 tifosi ad accogliere i propri beniamini.

 

IL SOGNO CONTINUA. La banda Ranieri ha saputo riaccendere la passione per i colori giallorossi in una città pienamente soddisfatta di quanto (80 punti) raccolto in questi mesi. A prescindere dal sogno sfumato di uno scudetto che, in presenza di rinforzi e buone motivazioni, potrebbe diventare realtà già dal prossimo anno. "Non è successo", come scrive Materazzi sulla sua maglietta di dubbio gusto post Siena-Inter, ma questa Roma si congeda a testa alta da una stagione in cui si è opposta fino alla fine alla corazzata di Mourinho. "To be continued", recitava uno striscione dei tifosi giallorossi a Verona, perché d'altronde, con questi presupposti, tutto può ancora succedere all'ombra del Colosseo.

 

(Marco Fattorini)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.