BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Calcio e altri Sport

INTER/ Le pagelle di fine stagione: Milito, Zanetti, Cambiasso, Samuel l'anima è argentina

inter_piazzaduomo_festeggiamenti_R375_15mag10.jpg(Foto)

Maicon 7,5: un finale di stagione da 10 e lode con il fantastico gol alla Juventus che ha sbloccato un match difficile. Peccato per l'inizio di campionato con un rendimento incostante, per certi versi irritanti. Ma si è rifatto alla grande.

 

Julio Cesar 7: quest'anno è stato protagonista nel bene soprattutto ma anche nel male. Non è stato lo stesso Julio Cesar dello scorso anno soprattutto nella seconda parte di stagione forse a causa dell'incidente stradale prima del match contro il Chelsea. Da quel momento qualche "papera" di troppo a Roma in particolare e poi a Firenze. Domenica scorsa ha spaventato milioni di tifosi nerazzurri per un cross innocuo non trattenuto a dovere.

 

Pandev 7: arrivato a gennaio a parametro zero, è stato protagonista subito con la bella punizione nel derby di ritorno per il due a zero dell'Inter sul Milan. Come Eto'o si è sacrificato molto in copertura permettendo a Mourinho di schierare il modulo 4-2-3-1, nel finale di campionato è rimasto in riserva, comprensibile dopo quasi un anno di inattività.

 

 

Thiago Motta 7: campionato a fasi alterne per l'ex Genoa che ha iniziato alla grande con il bel gol nel derby d'andata contro il Milan. Nella fase centrale della stagione si è un po' perso colpa dei soliti problemi fisici ma si è ripreso alla grande come dimostra la doppietta contro il Bologna.

 

Chivu 7: ci vuole coraggio a rientrare in campo dopo l'operazione alla testa per la frattura del cranio nel primo match del 2010 contro il Chievo. Invece il romeno è tornato in forma immediatamente giocando da terzino sinistro e togliendosi lo sfizio di siglare il primo gol con la maglia dell'Inter con un sinistro dalla distanza nel match contro l'Atalanta.

Stankovic 7: lavoratore instancabile il serbo, quest'anno ha dovuto condividere il campo con la panchina senza mai alzare polemica. Solita grande classe mostrata in particolare nel grandissimo gol da centrocampo nel match di Marassi contro il Genoa.

 

Balotelli 6,5: meriterebbe di più perchè quest'anno è migliorato in zona gol e ha dimostrato di avere numeri da grande campione. Ma nel calcio ci sono tanti aspetti, soprattutto il rispetto verso le scelte del tecnico e verso i compagni, ed il giovane talento nerazzurro spesso non è riuscito ad essere corretto verso l'intero mondo nerazzurro.

 

Materazzi 6,5: poteva andare via ad inizio stagione visto che c'erano alcune offerte interessanti, è rimasto ben conscio della grande concorrenza. E' rimasto in panchina dimostrando il grande attaccamento verso la società ed i tifosi, quando è stato chiamato in causa ha sempre risposto presente, dimostrando di essere un vero Campione del Mondo.

 

Mariga 6,5: anche lui sbarcato alla Pinetina a gennaio come Pandev, il primo keniota nella storia dell'Inter ha dimostrato di avere molti "neuroni" per dirla alla Mourinho. Ragazzo promettente e intraprendente, contro l'Atalanta la sua migliore partita in cui va vicino al gol (il suo tiro è deviato dalla schiena di Muntari).

 

Muntari 6: ha giocato meglio nella scorsa stagione, forse quest'anno ha sentito troppo la concorrenza a centrocampo. Disastroso nel match contro il Catania, da quel momento non è riuscito a rifarsi.

 

Vieira 6: è volato al City di Mancini a gennaio per cercare più spazio, il francese ha comunque dato il suo contributo nelle poche volte in cui il suo fisico permetteva di mandarlo in campo.

Santon 6: un anno certamente da non ricordare soprattutto dal punto di vista fisico, ma è giovane e ha tutte le qualità per rifarsi.

 

Quaresma 5: Mourinho in più di una circostanza ha cercato di dargli nuovamente fiducia, ma togliendo il bel match contro la Fiorentina, l'ex Porto non ha brillato.

 

Mancini 4,5: nessuna prestazione degna di nota, a gennaio è sbarcato al Milan.

Arnautovic, Orlandoni, Toldo s.v.

 

(Claudio Ruggieri)

© Riproduzione Riservata.