BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

PADOVA BRESCIA/ La sorte frena la Leonessa, ora la A è più lontana

Pubblicazione:lunedì 31 maggio 2010

iachini_R375x255_31mag10.jpg (Foto)

NOSTRO INVIATO A PADOVA

 

PADOVA - Se qualcuno crede nei segni che la sorte manda nella vita e anche nello sport, ieri il Brescia non avrebbe vinto per nessuna ragione a Padova. Passano appena 30 secondi dal fischio d’inizio dell’ottimo Tagliavento e nel settore nord che ospiti i tifosi bresciani, scoppia una furibonda rissa tra ultras dei due gruppi che comandano a Brescia. Calci, pugni, aste della bandiera usate come bastoni e un paio di tifosi feriti seriamente. Il tutto coinvolge almeno una cinquantina di persone e i beninformati parlano di ruggini per l’assegnazione dei 900 biglietti in aggiunta ai 1500 per la trasferta. Intanto Di Nardo segna il vantaggio patavino e il Brescia si trova dopo appena 3 minuti a dover rincorrere.

 

Una squadra molle, poco determinata e che per l’ennesima volta in questo campionato fallisce una partita decisiva. Iachini punta dal primo minuto su Baiocco che sembra il lontano parente di quello che a Catania dettava i tempi agli etnei. «Due gol presi su due palle inattive – dice il tecnico della Leonessa a fine gara – così è il calcio».

 

PADOVA BRESCIA CONTINUA A LEGGERE CLICCA SOTTO


  PAG. SUCC. >

COMMENTI
31/05/2010 - Rispetto per Padova e i suoi ULTRAS (Diffidati Gheafemo)

Gentile redazione, leggendo l'articolo vien da pensare che il Brescia ha perso la partita per demeriti propri. Vorrei far notare che forse il Padova, e il clima stupendo creato dai tifosi più accesi sia stato da lodare e sicuramente molto stretto per una serie B. Da condannare, ma vanno anche capiti, la rissa scoppiata in curva Nord tra tifosi bresciani che vedendo la loro squadra dominata dal PADOVA e il tifo sugli spalti anche quello vinto dai ragazzi della tribuna Fattori hanno pensato bene di far scoppiare una rissa tra bambini delusi in modo tale da non vedere quello che il brescia in campo non faceva...giocare a calcio. ONORE AL PADOVA E AI SUOI SPLENDIDI TIFOSI, che non hanno mai smesso di sperare anche nei momenti più duri. Ora Trieste torna ad essere come negli anni 80 un match dentro e fuori dal campo che sarà decisivo ed elettrico, sperando che i triestini non si comportino come sempre scappando di fronte agli avversari Ultras gheafemo diffidati...PRESENTI! BOIA ? CHI MOLLA!!!!!!!