BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

ESCLUSIVA INTER CHIEVO/ Sartori: Il "miracolo" Chievo adesso decide lo scudetto

Pubblicazione:domenica 9 maggio 2010

dicarlo_mimmo_R375x255_20dic09.jpg (Foto)

Un po’ di merito l’avrà anche lei. E’ direttore sportivo del Chievo dal 1992…

Ripeto. Le vittorie del Chievo sono soprattutto merito di un lavoro d’equipè.

 

Ma come è nata la favola del Chievo?

Dalla collaborazione tra Luigi Campedelli e Garonzi e dalla loro voglia di portare una piccola società di un quartiere di Verona a entrare nell’elitè del calcio professionistico. Poi dopo la morte di Luigi Campedelli è subentrato suo figlio Luca che ha proseguito quest’opera.

 

Grandi risultati. La serie A. Una partecipazione in Uefa, una in Champions…

Cerchiamo di mantenere la squadra ad alti livelli.

 

Nelle prossime due giornate di campionato sarete gli arbitri dello scudetto, incontrando prima l’Inter, poi la Roma…

Vogliamo onorare il campionato, giocando con il massimo impegno. Per l’incontro con la Roma abbiamo già lo stadio esaurito. Abbiamo invitato 5500 ragazzi allo stadio. Sarà la festa di tutte le formazioni e di tutti i tifosi del Chievo.

 

Avete tifosi anche oltre Verona?

Si abbiamo club di tifosi anche fuori Verona. Uno ad esempio è a Milano.

 

E il rapporto con la vostra città com’è?

Potrebbe essere migliore. Purtroppo non siamo considerati come meriteremmo. Forse perché in questa città c’è soprattutto l’Hellas Verona.

 

Pensa quindi che la rivalità con l’Hellas Verona faccia bene?

Non fa male. Due squadre nella stessa città sono possibili.

 

Domenica il Verona si gioca la promozione in B con il Portogruaro, spera in futuro in un derby in A?

E’ già successo che Chievo e Verona abbiano giocato in A. Spero che questo avvenga di nuovo.

 

Con i Mussi protagonisti, come ormai capita da anni…

E’ il nostro soprannome. Un soprannome simpatico per una squadra simpatica.

 

Dall’estero infatti sono venuti spesso a fare reportage su di voi…

L’anno che siamo stati promossi in A sono venuti diversi reporter dall'estero. Si vede che il fenomeno Chievo ha colpito anche oltrefrontiera.

 

(Franco Vittadini)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.