BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

BRESCIA TORINO/ Brescia nell'Olimpo, Toro è finito un ciclo

Pubblicazione:

Giocatori della Leonessa festeggiano la A (Foto Ansa)  Giocatori della Leonessa festeggiano la A (Foto Ansa)

INVIATO A BRESCIA

 

BRESCIA TORINO - E’ Serie A dopo 5 anni anni. Il Brescia ritorna nella massima serie dopo un lustro di purgatorio, grazie a una gara perfetta disegnata da Beppe Iachini, che pure doveva sopperire alle assenze di Budel e Mareco, squalificati. Nei primi 20 minuti i biancazzurri hanno lasciato sfogare il Toro, poi hanno cominciato a prendere in mano la partita andando vicini al vantaggio prima con Caracciolo e poi con Cordova (traversa). Ci ha pensato Davide Possanzini a segnare il gol del vantaggio con un destro a giro che si insacca alla sinistra di Morello. Il Toro è frastornato e nella ripresa arriva il raddoppio con Caracciolo su rigore. A nulla serve il gol di Arma nel finale. Ora, dopo i festeggiamenti, Gino Corioni dovrà mettersi intorno a un tavolo e ricostruire l’assetto societario del Brescia.

 

Dopo l’addio di Maurizio Micheli, manca nella società della Leonessa la figura di un direttore sportivo. L’impressione è che verrà affidato a Gigi Maifredi il ruolo di direttore generale, ma affidargli anche la carica di direttore sportivo è una scommessa troppo impegnativo per l’ex allenatore bianconero. Serve un uomo che conosca le pieghe del mercato, che sappia trattare e costruire con pochi soldi una squadra che possa lottare per non retrocedere. Il nome che circola potrebbe essere quello di Gianluca Nani. L’ex ds del West Ham ha un solido legame con Corioni e anche ieri era in tribuna al Rigamonti. Ha voglia di rimettersi in gioco e ieri a fine partita confabulava fitto fitto con Tullio Tinti, il numero uno dei procuratori. A Brescia c’è da costruire una società solida e meno "a gestione familiare".

 

BRESCIA TORINO CONTINUA A LEGGERE CLICCA SOTTO


  PAG. SUCC. >