BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

ESCLUSIVA/ Mennea: dal 19'72'' a Usain Bolt, vi racconto l'atletica e la velocità

mennea_R375.jpg (Foto)

C’è anche Rio de Janeiro 2016…

Anche lì alla fine gli oneri andranno a ripercuotersi più sui più deboli. Un’ Olimpiade oggi non è più un investimento sociale ed economico sicuro.

 

Quindi quali sono le priorità di una nazione?

Cercare di mantenere tutta la popolazione a un’accettabile livello di vita. Costruire delle infrastrutture moderne e dare un volto sempre migliore a tutte le varie parti del paese.

Lo sport in questo senso che valenze ha?

Una valenza ideali. Quella della crescita e della formazione delle persone. Quella di trasmettere dei valori umani a cui esso stesso sottintende. Quello della pratica agonistica, che è altrettanto importante delle vittorie, delle medaglie.

Quindi per quanto riguarda l’Italia lei ribadisce le sue accuse alla dirigenza sportiva attuale?

Come ho già detto prima è una dirigenza che fatica a rinnovarsi e non fa niente per promuovere un rinnovamento di cui avremmo assoluto bisogno.

 

E il sud Italia come è messo in questo senso?

Il sud in Italia sta attraversando un momento molto difficile. Ha altre priorità. Sta vivendo ancora di più questa crisi economica che attraversa tutto il paese.

 

Parliamo di atletica pura, Bolt sta facendo grandissime cose…

Bolt secondo me è destinato a diventare il più forte di tutti i tempi.

E questa crisi nella velocità degli Stati Uniti, come la spiega?

Gli Stati Uniti non riescono più ad attingere come in passato dai college. Non vengono più fuori campioni di grande talento .