BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Calcio e altri Sport

CALCIOMERCATO/ Inter, tuona Hidalgo: «Inter offesa? Milito è disgustato!»

Parla l’agente del bomber argentino dell’Inter, Fernando Hidalgo

milito_azione_inter_R375x255_24gen10.jpg(Foto)

CALCIOMERCATO INTER – Il Principe Diego Milito è di nuovo protagonista delle cronache di calciomercato. È noto, infatti, il forte interesse del Real Madrid spinto da quel Josè Mourinho che vorrebbe con se per un’altra stagione il bomber argentino. E i rapporti fra l’attaccante e la società nerazzurra non sembra poi così idilliaci. A confessarlo è il noto agente di Milito, Fernando Hidalgo: «Se il Real vuole Milito deve parlare con l’Inter – ha spiegato il procuratore - e fare un’offerta al club nerazzurro e a noi. Se dovessi mettermi a parlare con tutti quelli che vogliono notizie su Diego...».

Un tentativo di strappare il Principe all’Inter c’è già stato in passato: «Branca e Oriali – prosegue Hidalgo - sanno che a dicembre scorso un importante allenatore di un top club europeo ha chiesto Milito e la trattativa non si è concretizzata nonostante l’offerta di ingaggio fosse elevata. Forse hanno la memoria corta...». Secondo gli ultimi rumors Milito sarebbe scontento per lo stipendio guadagnato, in particolare, se paragonato a quello di Eto’o, che percepisce più del doppio: «Non voglio fare paragoni con altri giocatori – ha però precisato Hidalgo - non è questo il punto. La scelta è dell’Inter che deve decidere se vuole avere un giocatore contento o no. Dite che qualcuno in corso Vittorio Emanuele non ha gradito le parole di Diego dopo la finale di Champions League? Lui si è sempre comportato bene, fin da quando è arrivato a Milano. Non ha detto niente di strano e ora è disgustato che qualcuno possa sentirsi offeso solo perché ha detto che ha delle offerte. Se l’Inter è offesa da Milito, che lo metta sul mercato. Vedrete che una squadra che lo vuole salterà fuori. Lui è stato onesto nel sottolineare che ha altri tre anni di contratto e che a Milano è contento. Perché qualcuno si è offeso?».