BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Calcio e altri Sport

ESCLUSIVA CALCIOMERCATO/ Inter, Juventus, Roma, Milan, Napoli, Borghi (SportItalia) svela i segreti dei gioielli sudamericani

STEFANO BORGHI, giornalista di SportItalia e uno dei massimi esperti di calcio sudamericano, analizza tutte le possibili operazioni di mercato delle big del campionato italiano

sudamerica_cartina_R375_5giu10.jpg(Foto)

Il calcio sudamericano è tornato di moda tra i dirigenti sportivi delle grandi società italiane. In questi giorni molti giovani sudamericani sono accostati a grandi società italiane: Aguirregaray, Otamendi, Funes Mori, Boselli, Pareyra. Ne abbiamo parlato, in esclusiva per Ilsussidiario.net con Stefano Borghi, telecronista di Sportitalia e grande conoscitore di calcio sudamericano.

Stefano, il nome di Matias Aguirregaray è stato accostato all'Inter come vice Maicon. Il procuratore Caliendo lo ha definito un misto tra il calciatore brasiliano e Zanetti. Cosa ci puoi dire?

Ovviamente si tratta di un paragone forzato, ma questo ragazzo uruguagio del Penarol è davvero un giocatore interessante. Più che un terzino è un cursore perchè è capace di fare su e giù per tutta la fascia. Non ha l'esplosività fisica di Maicon, penso che nessuno al mondo ce l'abbia, però ha l'eleganza di Zanetti perchè anche lui gioca con la testa alta e spesso è bravo a contrastare in mezzo al campo. Non si è ancora formato completamente anche perchè è un classe 89', quindi ha ampi margini di miglioramento. Portarlo subito in Europa potrebbe però essere un problema perchè i difensori sudamericani quando arrivano nei campionati europei trovano un'altra dimensione.

L'alternativa è Ramires del Benfica...

Assolutamente non bisogna confondersi sul brasiliano. Lui non è un terzino ma è una splendida mezz'ala di 23 anni che può giocare in un centrocampo a tre accanto ad un regista e spesso si sposta a destra. E' sicuramente un calciatore interessante e merita di giocare a grandi livelli, infatti è un nazionale brasiliano.

Il Milan invece sembra orientato a puntare su Otamendi, che in Argentina definiscono il "nuovo Samuel".

In Argentina quasi ogni bravo difensore viene paragonato al giocatore dell'Inter, comunque Otamendi del Velez è davvero un giocatore straordinario e già pronto a 22 anni a fare il salto di qualità. Il c.t. dell'Argentina Maradona punta su di lui per i prossimi Mondiali, idove non giocherà nel ruolo di centrale bensì di terzino destro, dove ha dimostrato di sapersela cavare molto bene. L'unica pecca è l'eccessiva foga, a volte sbaglia dei lanci verticali banali. Nel Milan con Thiago Silva potrebbe formare una coppia di centrali forte ed affidabile, anche se nessuno dei due ha la capacità di guidare la difesa, neanche il brasiliano, che ritengo uno dei più forti al mondo nel ruolo.