BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Calcio e altri Sport

CALCIOMERCATO/ Pochi soldi, pochissimo appeal, povera Serie A

ozil_germania-R375x255_22giu.jpg(Foto)

Nomi funzionali al progetto rossoblù, nomi che confermano – comunque – il secondo piano in cui è scivolato il campionato italiano da un decennio a questa parte. Da tempo è finita l'epoca dei soldi e della qualità che attiravano i più bei nomi stranieri. Oggi è il momento del realismo, con buona pace di chi già si immaginava i club italiani sulle tracce di elementi di grido internazionale. Non è un caso che questi (Gerrard oppure Lampard, lasciando da parte Messi...) non intendano assolutamente muoversi mentre le promesse vadano altrove (Di Maria al Real Madrid, Ozil si può concedere il lusso di decidere). Si deve essere realisti come il Genoa oppure capire una buona volta che soltanto l'Inter ha attualmente l'appeal per attirare qualcuno dei pochi grandi emersi in Sud Africa (Mascherano, giusto per fare un nome). Per il resto ci si deve accontentare delle sempiterne indecisioni di Luis Fabiano, del tentennare di Dzeko oppure del riscatto di Lobont. Avessi detto.

© Riproduzione Riservata.