BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

NAZIONALE/ Anche l'Under 19 ko. La crisi nerissima del calcio azzurro

Pubblicazione:lunedì 26 luglio 2010

crescenzi_under19_r375_25lug10.jpeg (Foto)

NAZIONALE - Prima l'umiliazione patita dalla Nazionale campione del mondo, tornata a casa dal Sud Africa senza neppure una vittoria all'attivo. Quindi – sabato – il tonfo dell'Under 19 all'Europeo, cacciata dal torneo senza aver segnato neppure una rete e mancando contestualmente la qualificazione al Mondiale 2010 in Colombia. Infine, ad agosto, l'Under 21 che si giocherà le residue speranze di arrivare alla fase finale dell'Europeo in Danimarca contro Bosnia e Galles.

 

Segnali pessimi per il calcio italiano. E con la sgradevole sensazione che non siano ancora stati colti appieno, visto che la vita scorre serena e incosciente come prima. Alcuni dati semplici dovrebbero però far riflettere chi tira le fila del prodotto pallone. Le Nazionali, innanzitutto: sono tutte in crisi di risultati, a livello giovanile non vincono più nulla dal 2004 e, inoltre, sfornano raramente fenomeni per la prima squadra. I club, poi, con due passaggi: quest'anno – e non si era mai visto - sono state cancellate ventuno società cariche di storia (la Pro Vercelli) e di passione (un milione di tifosi complessivi) e questo è già grave, ma è ancor più grave che non si sia trovato un numero adeguato di altre realtà pronte a sostituirle, visto che sono ancora liberi sei posti in Seconda divisione. Una situazione che dovrebbe far riflettere chi non ha bloccato i ripescaggi, pur avendolo ipotizzato, e chi ha sempre difeso la pachidermica realtà di 132 club professionistici, un “unicum” in Europa. Infine il mercato, con un esempio semplice semplice legato ad Alexander Kolarov: quando il Manchester City ha messo sul piatto 19 milioni di euro, la Juventus non ha potuto far altro che ritirarsi in buon ordine. E ricordiamo per l'ennesima volta come anche grandi club quali Inter (con risultati comunque in controtendenza rispetto alla compagnia) e Milan abbiano dovuto adeguarsi al “prima vendere e poi acquistare” già da una stagione a questa parte.

 

NAZIONALE, LA CRISI DEL CALCIO AZZURRO, CONTINUA, CLICCA QUI SOTTO

 


  PAG. SUCC. >