BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

CALCIOMERCATO/Roma, Sensi-Unicredit: oggi si decide

Pubblicazione:giovedì 8 luglio 2010

sensi_rosella_pensierosa_R375x255_28ott09.jpg (Foto)

CALCIOMERCATO ROMA - Oggi si decide, una volta per tutte. Dopo rinvii, sospensioni e aggiornamenti, alle ore 18 nello studio del professor Cesare Ruperto (Roma, zona corso Francia) i rappresentanti di Unicredit e Italpetroli si siederanno per l'ennesima volta intorno ad un tavolo. L'obiettivo è quello di chiudere la questione in merito al credito di oltre 325 milioni di euro vantato dalla banca milanese (più altri 80 spettanti a Mps) nei confronti della holding della famiglia Sensi, controllante indiretta dell'As Roma.

 

L'ACCORDO. Da più parti trapela che oggi sarà il giorno decisivo, quello per la firma della lettera d'intenti che andrà a mettere nero su bianco la cessione di tutti gli asset di Italpetroli a Unicredit in cambio dell'azzeramento del debito. La partecipazione della banca alla holding della famiglia Sensi salirà dall'attuale 49% al 100%. Nell'operazione di dismissione rientra anche l'As Roma che, in attesa di un nuovo compratore, dovrebbe rimanere nelle mani di Rosella Sensi. La sua famiglia riceverebbe poi una buonuscita di circa 30 milioni di euro in immobili.

 

AS ROMA. Per quel che concerne la società sportiva, verrebbe creata una newco Roma della quale i Sensi deterrebbero il 51% e Unicredit il 49. La dottoressa Rosella Sensi rimarrebbe al timone del club affiancata da un ristretto c.d.a. di tecnici indipendenti indicati da Unicredit, il tutto fino a quando non sarà trovato un compratore. Nel frattempo l'istituto di Piazza Cordusio affiderà ad un advisor (Rothschild, probabilmente) il mandato per la ricerca di acquirenti.

 

CALCIOMERCATO ROMA - UNICREDIT ITALPETROLI - CONTINUA A LEGGERE, CLICCA IL PULSANTE QUI SOTTO

 

 


  PAG. SUCC. >