BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

ESCLUSIVA/ Arianna Errigo: mi presento, sono la nuova Valentina Vezzali

ARIANNA ERRIGO fresca vincitrice della medaglia d'oro agli Europei di Lipsia si racconta. Sacrifici, emozioni e carriera di una ragazza di 22 anni. Con un obiettivo: prendere il testimone della Vezzali

errigo_R375_4giu10.jpg (Foto)

E’ nata una nuova stella. Si chiama Arianna Errigo. E’ una delle promesse della scherma italiana, specialità fioretto. Quest’anno ha vinto l’oro a squadre nel fioretto agli Europei di Lipsia. Ma già nel 2004 si era imposta ai campionati del mondo cadetti a Plovdiv. Nel 2006 ai campionati europei giovanili a Poznan aveva vinto l’oro nella competizione individuale e l’argento in quella a squadre. Nel 2009 aveva trionfato nella gara a squadra agli Europei di Plovdiv e conquistato il bronzo individuale. Poi un altro oro nella gara a squadre di fioretto e il bronzo nella gara di fioretto individuale ai Mondiali di Antalya. E soprattutto la conquista della Coppa del mondo 2008-2009. Chissà cosa farà ai Mondiali di Parigi? Potrebbe essere lei l’erede di Valentina Vezzali. Abbiamo sentito questa giovane protagonista dello sport azzurro in esclusiva per il sussidiario.net.

 

Arianna, un'altra medaglia agli Europei di Lipsia: non è che ne hai troppe adesso nella tua bacheca?

C’è sempre spazio per le medaglie. E ce ne sarà sempre. Non mi voglio certo accontentare.

 

Gli inizi?

E’ stato a sei anni, quando mia madre mi fece conoscere questo sport.

 

Ora sei diventata una campionessa, quali obiettivi hai?

Il sogno sarebbe ripercorrere la carriera di Valentina Vezzali. Una delle più grandi atlete dello sport italiano.

 

Per quest’anno a cosa punti?

Dopo l’oro di Antalya, sarebbe stupendo conquistare l’oro ai Mondiali di Parigi.

 

E in futuro?

Ovviamente penso a Londra 2012.

 

Ti alleni molto?

Direi di sì ma va bene così. La mattina curo la preparazione fisica. Il pomeriggio la preparazione tecnica.

 

ARIANNA ERRIGO SI RACCONTA CONTINUA A LEGGERE CLICCA SOTTO