BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

ESCLUSIVA CALCIOMERCATO/ Compagnoni (Sky): Juventus manca un terzino, Milan cedi Dinho...

MAURIZIO COMPAGNONI, giornalista di Sky Sport, analizza le possibili mosse di mercato a 8 giorni dalla chiusura delle operazioni

delneri_marotta_R375x255_21mag10.jpg (Foto)

E' un momento cruciale del calciomercato. La Juventus ha piazzato il doppio colpo Krasic-Aquilani. L'Inter, che ieri sera ha giocato in Supercoppa contro la Roma, proverà a rispondere acquistando Kuyt dal Liverpool. E poi il possibile affare Ibrahimovic-Milan, il mercato di Napoli, Palermo e Genoa. Tutto sotto la lente di Maurizio Compagnoni, noto e apprezzato giornalista di Sky Sport, che ha parlato in esclusiva per Il Sussidiario.net.

Compagnoni partiamo dall'Inter: è passata da Mourinho a Benitez. Cambierà qualcosa tatticamente?

Non credo ci possano essere grandi cambiamenti tattici. Sicuramente vedremo un Eto'o più attaccante rispetto allo scorso anno. Per il resto la squadra è sempre la stessa: per questo non credo ci saranno molti cambiamenti tattici, a meno che non arrivi Mascherano dal Liverpool.

I nerazzurri hanno ceduto Balotelli e pensano di sostuirlo con Kuyt. Scelta giusta?

Balotelli è stato ceduto per circa 33 milioni di euro bonus compresi, una bella cifra… Bisognerà vedere se il ragazzo riuscirà ad esprimere il proprio talento. Se ce la farà, Balotelli varrà 50 milioni di euro, viceversa se fallirà, il tempo dirà se è stato un affare o no. Credo comunque che sia stata giusta la scelta venderlo perchè il rapporto con l'ambiente era ormai logoro. Kuyt è un giocatore diverso, molto più incline al sacrificio.

Che idea ti sei fatto del giovane brasiliano Coutinho?

Onestamente non l'ho visto giocare molto, sono riuscito a vedere solo qualche spezzone di partita. Da quel che leggo il giocatore sembra valido, ma aspetto di vederlo in campo.

La nuova Roma di Ranieri riparte da Adriano, Simplicio e forse Burdisso. E' più forte dello scorso anno?

Il loro obiettivo primario è Burdisso perchè rinforzerebbe il reparto arretrato. Adriano, mi hanno riferito che ha subito una flessione in questi ultimi giorni di precampionato. Se ritorna quello di prima la Roma si ritroverà con un grande attaccante; ma se è quello degli ultimi anni i giallorossi dovranno affidarsi nuovamente a Totti, che è pur sempre un campione ma non è più giovanissimo. Piuttosto penso che il salto di qualità possa farlo Menez: con il francese al top la Roma potrebbe diventare imprendibile.