BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SERIE A/ Si ferma il campionato! Sciopero per mancato accordo su contratto

Pubblicazione:venerdì 10 settembre 2010

gilardino_modesto_R375x255_280tt.jpg (Foto)

SCIOPERO SERIE A  - L'Assocalciatori sciopererà per protestare contro la posizione della Leag di A. La decisione è maturata dopo il mancato accordo sul rinnovo del contratto collettivo. Lo sciopero riguarderà la quinta giornata di Serie A, in programma il 25-26 settembre. A comunicarlo è il giocatore del Milan Massimo Oddo che ha fatto da portavoce a tutti i capitani e dai rappresentanti sindacali delle squadre di serie A.

 

"La Aic in perfetta sintonia con le squadre di serie A, ha deciso che queste non scenderanno in campo nella quinta giornata di campionato di serie A del 25 e 26 settembre contro la richiesta di introduzione di un nuovo regime contrattuale - ha spiegato Oddo -. Lo sciopero ci sarà sicuramente al di là delle decisioni che potranno essere prese nella riunione di lunedì perché questa protesta va al di là della proroga dell'accordo collettivo ma riguarda lo status di oggetto di noi calciatori. Lo sciopero si protrarrà se non verranno presi accordi consoni".

 

SERIE A SCIOPERO CONTINUA, CLICCA QUI SOTTO


  PAG. SUCC. >

COMMENTI
10/09/2010 - Solidarietà (Giuseppe Crippa)

Ai calciatori va la mia solidarietà (è un concetto molto relativo vista l’entità delle loro retribuzioni, ma comunque resta tale) perché non dimentico che un contratto nazionale fissa livelli minimi di retribuzione e di condizioni di lavoro che sono comunque utili non certo alle stelle ma ai comprimari, soprattutto a quelli a fine carriera. Il fatto che ciascun calciatore, se davvero si arriverà allo sciopero – eventualità che mi auguro venga superata con un accordo da farsi quanto prima – debba prendere pubblicamente posizione di fronte ai colleghi ed alla sua società mostrerà di che pasta ciascuno è fatto e in quali valori crede. Analogamente vedremo come si comporteranno i presidenti delle società, se faranno indebite pressioni sui propri dipendenti o si comporteranno correttamente di fronte all’esercizio di un diritto garantito dalla Costituzione: non dimentichiamo che i Presidenti non si chiamano solo Zamparini, ma anche Berlusconi ed Agnelli…