BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Calcio e altri Sport

ESCLUSIVA SERIE A/ Scala: Inter favorita ma questo Milan può vincere tutto

NEVIO SCALA racconta il nuovo Milan che punta a vincere tutto, l'Inter, che parte comunque favorita e la Nazionale. Con un ricordo ai magnifici anni di Parma

inter_curva_scudetto17_R375x255_17mag09.jpg(Foto)

Torna il campionato dopo la sosta della Nazionale. Abbiamo chiesto a Nevio Scala, in esclusiva per il sussidiario.net, una panoramica sulla stagione che sta entrando nel vivo con il super Milan dei "Fantastici quattro" che intende dare la caccia all'Inter di Rafa Benitez.

Scala è veramente un Milan stellare quello di questa stagione. Si può paragonare a quello di Sacchi, Capello, Ancelotti?

I paragoni sono difficili da fare. Certo è un Milan veramente forte, capace raggiungere qualsiasi risultato. Ora starà a Massimiliano Allegri riuscire ad assemblare i vari giocatori e costruire una squadra da grandi performances.

I rossoneri punteranno al Campionato o alla Champions?

Penso che il Milan debba partire sempre per vincere tutto. Poi a marzo si deciderà a quali traguardi puntare ma, ripeto, sulla carta questa squadra può veramente fare grandi cose.

Un giudizio su Ibrahimovic. E’ più forte anche di Van Basten?

Ibrahimovic è veramente un giocatore eccezionale, uno che fa sempre la differenza in qualsiasi club dove gioca. Ma credo che Van Basten sia inimitabile, la sua tecnica e la sua eleganza sono irraggiungibili. Credo che giocatori come Van Basten siano unici nella storia del calcio e che sia sbagliato fare questi paragoni. Anche uno come Rivera è stato veramente irripetibile.

Parliamo di scudetto,. Inter ancora favorita?

L'Inter è ancora favorita ma ora il campionato è più competitivo. Il Milan infatti si è molto rafforzato e può lottare per il titolo. La Roma ha un anno in più di esperienza ed è una formazione molto forte. Assisteremo a una lotta per lo scudetto molto interessante.

La Nazionale invece ha esordito con i successi contro Estonia e Far Oer. Cosa pensa di Cesare Prandelli?

Ha iniziato nel migliore dei modi con due partite in realtà non molto difficili. Ma l’approccio è stato positivo. Con la sua serietà e la sua professionalità sta riportando i tifosi all’amore per la Nazionale.

Quindi c’è un feeling ritrovato?

L’esordio casalingo a Firenze è stato molto positivo in questo senso, Prandelli ha imboccato la strada giusta.