BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Calcio e altri Sport

ROMA BOLOGNA/ Giocatori in silenzio. Ranieri: "sereni e tranquilli, ripartiremo"

Il tecnico giallorosso analizza il pareggio interno con il Bologna. E sulla conferenza di sabato: "mi dispiace per i giornalisti, alcuni non sono stati corretti con la squadra"

ranieri_roma_R375x255_27gen10.jpg(Foto)

Il pareggio casalingo con i rossoblù di Malesani lascia l'amaro in bocca al popolo giallorosso. I trentamila dell'Olimpico hanno lasciato in tutta fretta gli spalti con una buona dose di amarezza e delusione. Nel frattempo l'ufficio stampa della Roma fa sapere che è confermato il silenzio dei propri giocatori. Nessuna ipotesi di ritiro ma, come dichiara anche Ranieri, "i ragazzi sono mortificati, a breve torneranno a parlare". Il tecnico testaccino commenta l'esito della gara con il Bologna: "la flessione può essere dovuta al fatto delle sostituzioni. Ho anticipato i cambi, visto anche l’impegno in Champions sapevamo che la squadra sarebbe scesa sul piano del gioco. Dovevamo gestire meglio il possesso palla e non cercare ossessivamente il terzo gol. E' un periodo che non gira. Dobbiamo stare sereni e tranquilli, poi ripartiremo".

Ai microfoni di Sky Sport, l'allenatore romano e romanista ha dichiarato che "manca un attimo di concentrazione e determinazione". "Abbiamo delle difficoltà - ammette Ranieri - però parlando con la squadra i ragazzi vogliono continuare in questa direzione. Un conto è farlo con la squadra al completo, un altro è affidarsi ad alcuni giocatori. Il nostro obiettivo era partire bene e migliorarci, però la realtà è un'altra. Non posso rimproverare i ragazzi".