BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

PALERMO-INTER/ Nerazzurri in festa ma Milito ora è un caso…

L’argentino: «Ma perché esco sempre io?»

milito_inter_gioia_R375x255_20set09.jpg (Foto)

PALERMO-INTER – L’Inter vince a Palermo e agguanta la vetta della classifica ma in casa nerazzurra scoppia il caso Diego Milito. Il Principe argentino è soltanto il lontanissimo parente di quel bomber implacabile che l’anno scorso segnava trenta reti in stagione fra cui due in finale di Champions. Dopo il Mondiale il sudamericano non si è più ripreso e la stagione 2010-2011 è iniziata con un digiuno che dura da sei gare. A ciò si aggiunge anche la sostituzione, appuntamento fisso per l’ex Genoa.

 

Il fatto si è ripetuto ieri a un quarto d’ora dalla fine, e Milito, uscendo dal campo, ha sbottato: «Ma esco sempre io? Così non va bene. Qui bisogna parlare». Un Milito così nervoso non lo si era mai visto e se ci aggiungiamo le 10 reti di un Eto’o scatenato e alcuni problemi fisici ecco completato il quadro della situazione. Rafa Benitez ha cercato di smorzare i toni al termine della vittoria del Barbera: «Milito ha disputato una gara fantastica - ha iniziato lo spagnolo - una partita piena di tutte le cose che un attaccante deve fare per il bene della sua squadra. Gli è mancato solo il gol ma lo troverà presto. Gli ho parlato e mi sono arrabbiato con Diego solo perché lui si è arrabbiato con se stesso. Non deve inquietarsi se non segna, ma deve pensare al gran lavoro che ha svolto per la squadra».

 

PALERMO-INTER, CRISI MILITO, CONTINUA A LEGGERE, CLICCA SOTTO