BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

AGGRESSIONE PORTIERE GUBBIO/ Simoni: mollo il calcio. Video intervista Lamanna

Il direttore tecnico della squadra umbra sta pensando seriamente di lasciare il calcio

lamanna_eugenio-R375x255_28set10.jpg (Foto)

AGGRESSIONE EUGENIO LAMANNA PORTIERE DEL GUBBIO: LE PAROLE DI SIMONI - Una lunga testimonianza resa oggi alla Gazzetta dello Sport con una decisione quasi definitiva: lascio il calcio. E' questo il pensiero di Gigi Simoni, galantuomo ed ex allenatore dell'Inter, dopo l'aggressione subita domenica sera dal suo portiere Eugenio Lamanna. Ecco una parte della lettera. «Sto pensando seriamente e con molta amarezza di dare le dimissioni dal calcio. Non è un gran che, ma forse è l`unica cosa che posso fare in questo triste momento per stigmatizzare quello che è successo nella civilissima Alessandria. La mia passione per il calcio non ha confini tanto è vero che non ho mai staccato la spina da questo mondo nel quale vivo da ormai 55 anni. Oggi mi diverto (o, meglio, mi divertivo) a fare il direttore tecnico a Gubbio, in C1, dopo che l`anno scorso abbiamo vinto, per la prima volta nella storia del club, i playoff in Seconda divisione. Mio figlio, che ha 11 anni, era allo stadio con me e con le lacrime agli occhi mi ha chiesto: «Papà, perché hanno picchiato Eugenio e i suoi genitori?». Già, perché? Non ho saputo rispondere e mi sono sentito da schifo. (...) Non si può e non si deve restare indifferenti così come certe persone non possono restare impunite, altrimenti questo mondo rischia di non appartenere più neanche ai nostri figli e ai nostri nipoti. Siamo ancora in tempo per fare qualcosa?»

 

VIDEO LA TESTIMONIANZA DI LAMANNA A SKY SPORT CONTINUA A LEGGERE CLICCA SOTTO