BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

CALCIOMERCATO/ Roma, ha ragione Ranieri: ecco lo "stile Roma"

Borriello e Burdisso che scelgono i giallorossi simboleggiano la forza ritrovata di un club che guarda all'Europa

ranieri_roma_R375x255_27gen10.jpg (Foto)

Il 2 settembre 2009 Claudio Ranieri diventava ufficialmente l'allenatore della Roma. Ad un anno esatto dall'investitura per mano di Rosella Sensi, il testaccino può guardarsi indietro con un briciolo di soddisfazione, quella che nasce dalla consapevolezza (magari un po' amara) di essere vicecampione d'Italia e finalista in due trofei (coppa e supercoppa). Un bottino niente male per un profeta in patria che, in soli 10 mesi e con il miglior stile british, ha seminato e raccolto più di molti colleghi.

Ad un anno di distanza dal 2 settembre 2009, Claudio Ranieri può dire a ragione (e lo ha fatto) che si è creato uno "stile Roma". Lo ha dichiarato a margine del forum degli allenatori di club d'elite d'Europa, ribadendo che "fa sempre piacere incontrare e confrontarsi con i migliori tecnici europei, ed anche in questa occasione la Roma è stata annoverata tra i miglior club di calcio". Proprio la Roma, fa sapere l'Istituto di Storia e Statistica Calcistica (IFFHS), è attualmente tredicesima nella classifica dei club più forti al mondo.

Ma cos'è questo stile Roma? Nei fatti è lo stesso che ha portato due nazionali come Nicolas Burdisso e Marco Borriello a scegliere il club giallorosso, non quale ripiego last minute ma come prima opportunità, a prescindere dalla concorrenza. Per entrambi i giocatori c'era la fila: Juventus in primis, ma anche Manchester City e pure il Real Madrid, a quanto si vocifera. Ma Nicolas e Marco l'hanno detto chiaramente, quasi all'unisono: "vogliamo la Roma". L'argentino per il feeling con squadra e ambiente, il napoletano perché "convinto dalla passione di Rosella Sensi".