BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Calcio e altri Sport

BASKET/ L'Nba in campo nel Martin Luther King Day. La cronaca e i tabellini delle partite

Vittoria dei Lakers, mentre si chiude all'ultimo respiro la sfida d'altri tempi tra Boston e Orlando

Un'azione di gioco nella NbaUn'azione di gioco nella Nba

Tredici partite giocate nel giorno di commemorazione dedicato a Martin Luther King jr, festività istituita nel 1983 dal Presidente Ronald Reagan, da celebrarsi il terzo lunedì di gennaio,  vicino cioè al 15 gennaio, giorno della sua nascita. Fu osservato per la prima volta il 20 gennaio 1986. Non tutti i 50 Stati però riconobbero subito questa festività, e alcuni la celebravano con nomi diversi. Il 18 gennaio 1993 il Martin Luther King Day è stato celebrato per la prima volta in tutti i cinquanta stati degli USA.


Da segnalare la pronta ripartenza dei Lakers dopo la sconfitta nel nervoso derby con i Clippers ( espulsi Odom e Artest da una parte e Griffin e Davis dall’altra). I giallo viola fanno così registrare l’ottavo successo nelle ultime nove partite, andando a vincere per 101-94 contro gli ottimi Thunder del duo Durant Westbrook. Altro successo da sottolineare è quello dei Bulls (96-84 contro Memphis) che non subiscono l’assenza di Carlos Boozer e portano a casa un’altra vittoria (sette nelle ultime dieci uscite), dopo quella contro gli Heat.

Attesissimo lo scontro, nella notte, tra i caldissimi Celtics (tornava Kevin Garnett dopo 9 partite out) e i rinnovati Magic, che proprio contro Boston volevano testare le proprie ambizioni, essendo, tra l’altro, l’unica squadra ad avere un record positivo contro i verdi del Massachusetts dell’era Big Three (Garnett, Pierce, Allen).  Gara bellissima in bilico fino all’ultimo possesso e risolta da una rubata, a una manciata di secondi dal termine, proprio da parte di KG che manda a segnare Allen per i tiri liberi della sicurezza. Finisce 109-106 con Boston che consolida il primato nella Eastern Conference, ma con i Magic che si confermano comunque dei temibilissimi avversari in prospettiva playoff.



CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE L'ARTICOLO SULLA NBA