BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

BASKET/ Maccabi - Lottomatica (99-58). Una debacle: punteggio umiliante e ricorso contro Lubiana respinto. La cronaca e il tabellino

Pubblicazione:venerdì 28 gennaio 2011

Il Palalottomatica (foto: Imagoeconomica) Il Palalottomatica (foto: Imagoeconomica)

UMILIANTE SCONFITTA PER LA LOTTOMATICA - 41 punti di scarto. Con questo imbarazzante passivo la Lottomatica torna a casa dalla trasferta sul campo del  Maccabi. Gli israeliani hanno dominato una partita mai in discussione chiudendo con il punteggio finale di 99-58.
La giornata per la Virtus era cominciata nel modo peggiore: in mattinata infatti era arrivata la notizia che la disciplinare dell’Eurolega aveva respinto il ricorso presentato dalla società romana al termine della gara contro l’Olimpija Lubiana per un’irregolarità nel conteggio dei secondi finali della partita, vinta dagli sloveni di un solo punto.

 


Sicuramente questa decisione ha inciso negativamente sul morale dei ragazzi di Filipovski che avevano creduto nella possibilità di ripetere il match.
In merito a tale sentenza, il direttore tecnico Tanjevic ha espresso tutta la sua perplessità: “Sono sorpreso e addolorato per la decisione del Giudice Disciplinare dell’Eurolega. Con questa decisione viene meno la regola della durata effettiva delle partite e la pallacanestro perde credibilità”.
In effetti molte partite vengono decise da canestri segnati a meno di due secondi dalla sirena aumentando la spettacolarità e l’imprevedibilità nell’esito finale: proprio la Virtus riuscì nel girone di qualificazione ad espugnare il campo del Bamberg con un tiro da tre punti di Smith sullo scadere.
Ma veniamo alla partita.

 


Roma si è presentata in Israele ancora una volta con gli uomini contati e le rotazioni limitate: oltre alle ormai prolungate assenze di Gigli, Giachetti e Vitali, il tecnico Filipovski ha dovuto fare i conti con Smith e Traoré a mezzo servizio a causa di una tendinite il primo e di uno stiramento all’avambraccio il secondo.
Dopo il break iniziale del Maccabi (7-0 dopo appena 1’) la Lottomatica riesce a rientrare e portarsi sul -2 con due liberi di Dasic (11-9). Ma dopo appena 3 minuti Roma cede di schianto e il Maccabi comincia ad accumulare un vantaggio notevole, chiudendo di fatto la partita già nel primo quarto. Al termine dei primi dieci minuti gli israeliani sono avanti 30-18.
Nel secondo quarto il vantaggio dei padroni di casa aumenta grazie anche al pressing a tutto campo ordinato da coach Blatt che manda in confusione Roma. Le tantissime palle recuperate dal Maccabi e i canestri di un ottimo Pargo (16 punti per lui alla fine) chiudono il secondo periodo con la Virtus sotto di 26 lunghezze ( 57-31).



CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE L'ARTICOLO SULLA PARTITA TRA ROMA E TEL AVIV DI BASKET


  PAG. SUCC. >