BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

PAGELLE/ Brescia-Chievo (0-3): i voti, la cronaca e il tabellino (ventiduesima giornata)

Un ultimo atto da dimenticare per Mario Beretta, il tecnico del Brescia che dopo la sconfitta di oggi pare destinato a cedere il posto all'ex Giuseppe Iachini.

Sergio Pellissier (Ansa) Sergio Pellissier (Ansa)

BRESCIA-CHIEVO 0-3: I VOTI, LA CRONACA E IL TABELLINO - Un ultimo atto da dimenticare per Mario Beretta, il tecnico del Brescia che dopo la sconfitta di oggi pare destinato a cedere il posto all'ex Giuseppe Iachini. Dopo un inizio gara in equilibrio il Chievo ha dilagato in casa delle rondinelle, mettendo in luce le carenze della squadra lombarda. Un solo tiro in porta per il bianco-blu, che perdono così quello che già sembrava uno scontro-salvezza anticipato. La panchina di Beretta sembra quindi in discussione, dopo cinque sconfitte in sei gare. E secondo la Gazzetta dello Sport Iachini sarebbe già pronto a riprendere il posto lasciato poco più di un mese fa. I gialloblù sono invece trainati da uno straripante Pellissier e ora, dalla metà sinistra della classifica, possono guardare verso il basso con un po' più di tranquillità.

 

SINTESI PRIMO TEMPO: Inizia forte il Brescia, che per i primi quindici minuti fa la partita. I padroni di casa si avvicinano per tre volte alla porta di Sorrentino, pur non riuscendo mai ad inquadrare lo specchio. È quello che serve per scuotere il Chievo, che si avvicina più volte all'area avversaria. La partita inizia a farsi interessante, e al ventiseiesimo il gialloblù Thereau devia in modo pericoloso una punizione dal lato di Bogliacino, sbagliando però la mira. Passano pochi minuti prima che sia il Brescia a reagire, con un sinistro di Diamanti, servito da un ottimo Filippini. La palla finisce sopra la traversa. La gara è equilibrata, con occasioni da entrambe le parti ma senza che i due portieri vengano impensieriti più di tanto. Poca precisione tra gli attaccanti, mentre le difese fanno un buon lavoro. Il guizzo decisivo arriva però allo scadere del tempo: un lungo rilancio della difesa veronese trova il piede di Fernandes, che rimette al centro un ottimo cross di prima. Pellissier si avventa sul pallone come un rapace, complice la lentezza di Mareco, e scaraventa in rete con un colpo di testa a mezza altezza. Inutili le proteste di Beretta, che avrebbe voluto che tornare negli spogliatoi senza nessun recupero.

 

SINTESI SECONDO TEMPO: Bastano tre minuti al Chievo per chiudere la partita. Sulla prima azione Fernandes libera di tacco per Bogliacino, sulla destra. Il suo cross è deviato in angolo da Filippini, il migliore dei suoi. Ma proprio sul calcio d'angolo di Bogliacino Arcari sbaglia l'uscita e Mandelli può infilare di testa senza troppa difficoltà. Il Brescia è scosso e dagli spalti piove qualche fischio. I padroni di casa abbozzano una reazione con Diamanti, che serve un buon cross per la testa di Kone (impreciso nella conclusione). Nei minuti successivi Beretta prova a correre ai ripari inserendo Hetemaj e Daprelà per Cordova e Kone. Pioli reagisce con Moscardelli, che entra per Thereau. Il nuovo entrato Hetemaj rischia subito di regalare il terzo gol al Chievo, perdendosi Bogliacino in area. Pellissier però tira sul portiere, fallendo l'occasione del k.o. terzo e ultimo cambio per le rondinelle: entra Lanzafame per Eder, ma il pubblico di casa non apprezza la scelta di Beretta. È lo stesso Lanzafame però a rendersi pericoloso qualche minuto dopo con un rasoterra di poco a lato. Nel finale di partita i lombardi non ci stanno e si avvicinano alla porta di Sorrentino in un paio d'occasioni: le conclusioni però non sono pericolose e non impensieriscono più di tanto il portiere della squadra ospite. La beffa finale arriva al 49esimo, con Pellissier che beffa Zebina e buca Arcari con un destro di potenza.

È la centesima vittoria in A per un Chievo che sa approfittare dei contropiedi e delle occasioni concesse dal Brescia. I padroni di casa escono dal campo a testa bassa, pronti al secondo cambio di panchina in due mesi.

 

IL TABELLINO E LE PAGELLE, CLICCA SULLA FRECCIA PER CONTINUARE A LEGGERE