BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

SERIE B/ Varese-Padova (3-0): la cronaca e il tabellino (decima giornata)

Al Franco Ossola il Varese annienta per 3 a 0 il Padova di Dal Canto e si vendica delle semifinali play off della scorsa stagione. Decidono le reti di Cacciatore, Cellini e Kurtic.

Il tecnico del Padova Dal Canto (Foto: Ansa) Il tecnico del Padova Dal Canto (Foto: Ansa)

Al Franco Ossola, il Varese annienta per 3 a 0 il Padova di Dal Canto e si vendica delle semifinali play off della scorsa stagione. Un Padova troppo brutto per essere vero si sgretola sotto i colpi della banda Maran, giunta alla terza vittoria consecutiva dopo l'esonero di Carbone.

L'anticipo che apre la decima giornata della serie B regala una prima frazione di gioco piuttosto spenta e priva di motivi d'interesse. La gara si gioca su ritmi molto bassi ed è caratterizzata da fasi di studio piuttosto prolungata; ci prova con più insistenza il Padova che sfiora il vantaggio in un paio di occasioni; prima con Cacia e poi con Cuffa, su entrambe le conclusioni però si frappone un grandissimo Bressan che, con colpi di reni da portiere di serie A mantiene il Varese in partita. Si tratta però di fiammate isolate, all'interno di un primo tempo avaro di contenuti in cui la solidità difensiva degli uomini di Maran riesce ad avere la meglio rispetto al frizzante tridente biancoscudato. Un tridente in cui spiccano le giornate no di Lazarevic e Cutolo, costantemente bloccati dai diretti avversari.

Nella ripresa il copione sembra ricalcare quello del primo tempo ma al quarto minuto arriva la svolta che cambia il match. Zecchin s'incarica della battuta di un calcio piazzato sulla trequarti del Padova e disegna una parabola deliziosa verso il centro dell'area. Cacciatore si insinua nelle insicurezze della retroguardia padovana e con una deviazione volante d'esterno raccoglie la sponda di Troest e sblocca l'incontro. La reazione del Padova è praticamente nulla ed è ancora il Varese a sfiorare il raddoppio, sempre con Cacciatore che prima centra il palo e poi trova uno straordinario Perin a dirgli di no. Parrebbe il classico caso di gol mangiato, gol subito ma il Padova è praticamente nullo e assiste inerme prima al raddoppio di Cellini, su rigore causato da un'uscita in ritardo di Perin e poi al terzo gol, firmato da Kurtic con una conclusione dalla lunghissima distanza che si insacca all'incrocio. Nel finale c'è ancora tempo per il Varese che con gli inserimenti di Carrozza e Cellini continua a palesare le difficoltà della coppia Legati-Schiavi, in costante affanno sulle punte avversarie. Gli attaccanti di Maran però non infieriscono ulteriormente accontentandosi del 3 a 0 e conquistando tre punti che valgono la zona play off.