BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Calcio e altri Sport

RUGBY/ Melegari: Nuova Zelanda-Australia? E' la vera finale di questi Mondiali (esclusiva)

Gli All BlacksGli All Blacks

Spero che l’avvento di Brunel porti qualcosa di nuovo. Ho fiducia nelle sue capacità di uomo da campo, che saprà lavorare sulla tecnica dei giocatori, saprà dare un’impostazione diversa alla nazionale, valorizzando probabilmente anche i giovani. Lavorando diversamente da Mallett che era invece più un tattico, lavorava su altri aspetti del rugby.

Passiamo alla Celtic League, quali sono gli obiettivi di questa stagione per gli Aironi?

L’obiettivo è di fare bene, di mettere in campo una squadra competitiva, senza pretendere di puntare a posizioni prestigiose di classifica. E poi quello anche di valorizzare i giovani, di fare esperienza con squadre tradizionalmente forti.

Esperienza positiva o esperienza negativa, quella della Celtic League?

Molto positiva, appunto per il confronto continuo con formazioni di alto livello tecnico proprio di quelle nazioni che rappresentano il vertice del rugby mondiale.

Avete detto che gli Aironi sono la Franchigia del Nord Ovest dell’Italia, come mai la scelta di giocare a Monza le partite casalinghe dell’Heineken Cup?

Una scelta razionale, intelligente, quella giocando allo Stadio Brianteo di Monza, di sfruttare il bacino di utenza di tutta questa area geografica, di Milano naturalmente. Quando abbiamo giocato a Reggio Emilia abbiamo avuto ottomila spettatori. Speriamo che al Brianteo potremo anche avere più spettatori, di tutti gli appassionati di rugby che vorranno a vedere una competizione così importante come l’Heineken Cup. .

 

(Franco Vittadini)

© Riproduzione Riservata.