BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Calcio e altri Sport

MONDIALI RUGBY/ Di Marco (L'Aquila): Nuova Zelanda-Francia? Un risultato già segnato… (esclusiva)

MASSIMO DI MARCO, allenatore dell’Aquila Rugby, racconta, commentando la finale dei Mondiali, che ha un sogno nel cassetto: ospitare, nella città terremotata, gli All Blacks

Foto AnsaFoto Ansa

E’ la finale dei Mondiali 2011 di rugby. Nuova Zelanda – Francia è l’atto conclusivo di questa manifestazione che si è giocata dall’altra parte del mondo. Una partita che sulla carta non dovrebbe avere storia, tra questi All Blacks, che hanno dimostrato in tutto il torneo una schiacciante superiorità e la nazionale transalpina che in effetti ha avuto tanta fortuna a giungere a questa finale. Alle 10,00 ora italiana si giocherà a Wellington questo grande match dei Mondiali (clicca qui per la diretta live di Francia-Nuova Zelanda - NO VIDEO). Non certo la finale che tutti auspicavano e sognavano. Ad esempio un’Australia – Nuova Zelanda, o un Sudafrica – Nuova Zelanda, ma certo sempre una partita di discreto valore tecnico e naturalmente notevole interesse. Per parlare di tutto questo abbiamo sentito Massimo Di Marco, allenatore dell’Aquila Rugby. Eccolo dunque in questa intervista in esclusiva a ilsussidiario.net.
Favorita secca di questa partita?
Direi Nuova Zelanda. Per la superiorità tecnica che gli All Blacks hanno dimostrato finora in questi Mondiali non dovrebbe esserci dubbio sul risultato finale. La Francia poi non mi è sembrata per niente all’altezza degli All Blacks. E’ arrivata in finale con tanta fortuna e solo puntando su una grande difesa. Non ha certo giocato un rugby di grande valore.
Quindi questa finale non dovrebbe avere storia?
Sulla carta dovrebbe essere così. Gli All Blacks sono troppo superiori a tutte le altre squadre. Non sarà però una partita come quella del girone eliminatorio quando la Nuova Zelanda praticamente schiantò la Francia, ma non dovrebbe esserci proprio storia…
Come sono stati questi Mondiali?
Non si è visto un grandissimo rugby. Anche nella finale per il terzo posto vinta dall’Australia sul Galles sono venute fuori solo delle grande difese.
Le squadre che hanno deluso?
Inghilterra, Sudafrica e la stessa Australia non hanno ottenuto gli obiettivi a cui tenevano, mentre l’Irlanda con questa formazione così vecchia ha fatto il suo canto del cigno Di più di così non poteva fare.
Squadre sorprese?
Il Galles ha fatto molto bene. E’ una formazione giovane, che dovrebbe dominare nei prossimi anni in Europa.
E l’Italia?