BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

PALERMO-LECCE/ Palermo favorito, ma occhio al Lecce del 1° tempo con il Milan. L'analisi di Zauli (esclusiva)

Zauli apprezza il gioco del Palermo di Mangia, con una squadra corta e aggressiva, ma invita a non sottovalutare una squadra, il Lecce, capace di portarsi sul 3-0 contro il Milan.

Fabrizio Miccoli (Ansa) Fabrizio Miccoli (Ansa)

E’ il posticipo di questa nona giornata di campionato: Palermo-Lecce vede due squadre con umori diversi. La formazione siciliana ha disputato una bella partita a Roma. Il Lecce invece ha perso in maniera rocambolesca con il Milan per 4-3 dopo essere stato in vantaggio per 3-0. Due compagini reduci da una sconfitta a cui vorranno certamente rimediare. Motivi di rivalsa e una partita speciale anche per Fabrizio Miccoli, salentino doc che ancora una volta si troverà a giocare contro il “suo” Lecce. Per parlare di questo interessante match di campionato abbiamo sentito Lamberto Zauli. Un passato da giocatore importante. Ha vestito maglie di club prestigiosi come Vicenza (con cui ha conquistato una Coppa Italia e ha disputato una semifinale di Coppa delle Coppe), Bologna, Palermo appunto (ha contribuito allo storico ritorno in serie A dei siciliani, ottenendo subito la qualificazione in Coppa Uefa), Sampdoria. Eccolo quindi in questa intervista in esclusiva a ilsussidiario.net

Come vede questa partita? Penso che il Palermo giocando in casa sia favorito, ma credo anche che il Lecce possa giocarsi le sue chance. Non esistono partite scontate in serie A.

Che giudizio ha dell’assetto tattico della formazione rosanero? Buono, molto buono, perché Mangia ha subito stabilito un rapporto ideale con i suoi giocatori, che hanno anche assimilato le sue idee. La squadra gioca corta, mostra sempre tanta aggressività. Fa certamente un buon calcio.

Quali potrebbero essere i giocatori decisivi di questo match? Credo che Hernandez, Pinilla, lo stesso Miccoli abbiano la possibilità di mettere in difficoltà la difesa avversaria.

Per Miccoli è sempre un derby, lui salentino che giocherà contro il “suo” Lecce… Ci è abituato. Ha sempre giocato da vero professionista. Non esulta solo quando fa gol, per rispetto verso la sua terra.

Il Lecce come dovrà comportarsi invece? Dovrà giocare corto anche lui, e poi cercare di fermare l’aggressività del Palermo, sfruttando così il contropiede e gli spazi che il Palermo gli darà nel corso della partita.

Un Lecce che è in difficoltà in questo campionato… Già ma un Lecce che nel primo tempo della scorsa giornata aveva dato tre gol al Milan…

Il Palermo a quali traguardi può puntare in questo campionato? Può fare molto bene. In un’ideale classifica il Palermo viene subito dopo le grandi. Se manterrà le aspettative di questo inizio di stagione potrebbe fare un pensierino all’Europa League.

Sono possibili traguardi più ambiziosi nei prossimi anni, lo scudetto per esempio, imitando squadre come Verona, Sampdoria, la stessa Udinese di questo inizio stagione?