BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

PAGELLE/ Palermo-Fiorentina (2-0): i voti, la cronaca e il tabellino (tredicesima giornata)

Pubblicazione:domenica 27 novembre 2011

Delio Rossi, ex di giornata (Foto: Ansa) Delio Rossi, ex di giornata (Foto: Ansa)

LE PAGELLE DI PALERMO – FIORENTINA (RISULTATO: 2-0): I VOTI, LA CRONACA E IL TABELLINO – Il Palermo schianta la Fiorentina e si concede la sesta vittoria casalinga consecutiva. Decidono le reti di Miccoli e Ilicic che regalano una delusione al grande ex di giornata: Delio Rossi.

SINTESI PRIMO TEMPO – Al Barbera si sfidano la squadra con il miglior rendimento casalingo e quella con il peggior ruolino di marcia lontano dalle mura amiche. Il primo tempo non regala sorprese e rispetta il trend di questo avvio di stagione. La Fiorentina di Delio Rossi è figlia di quella di Mihajlovic e, pur cercando di imporre il proprio gioco non ha la giusta cattiveria per punire i rosanero. Al Palermo basta dunque una ripartenza per dimostrarsi letale. Ilicic verticalizza evidenziando la dormita generale della difesa viola, che lascia Miccoli libero di scattare da solo sul filo del fuorigioco e presentarsi a tu per tu con Boruc, davanti al polacco il capitano rosanero non sbaglia e realizza il più classico dei gol dell'ex. La reazione dei viola è blanda e porta solo a polemiche per un tocco di braccio di Silvestre, per Russo non è nulla. L'ultimo highlights della gara è l'infortunio di Miccoli che costringe il numero 10 di Mangia ad abbandonare il campo in barella e lasciare spazio al giovane Varela.

SINTESI SECONDO TEMPO – Privato del suo capitano il Palermo non si abbatte e continua a giocare la sua gara. La Fiorentina, timida e priva di idee in attacco, avanza sino alla trequarti per poi ingolfarsi e prestare il fianco alle sempre letali ripartenze dei padroni di casa. I tentativi dalla distanza di Montolivo e la traversa di Natali regalano l'illusione di una partita che si potrebbe riaddrizzare, è però solo una sensazione perché al minuto 28 Ilicic decide che è arrivato il momento di chiudere la pratica e da calcio piazzato fissa il punteggio sul 2-0. Il raddoppio si rivela il colpo decisivo alle velleità ospiti, la viola ci prova senza convinzione e si arrende ben prima del triplice fischio finale. Nel finale c'è spazio anche per l'espulsione di Natali, il centrale dei gigliati guadagna gli spogliatoi anzitempo per due gialli ravvicinati e le troppe polemiche. L'espulsione cambia di poco la sostanza delle cose, la Fiorentina conferma i consueti problemi ed esalta il Palermo “versione Barbera” giunto al sesto centro consecutivo tra le mura amiche.


  PAG. SUCC. >