BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Calcio e altri Sport

NAPOLI-JUVENTUS/ Rino Marchesi: partita incerta e di grande spettacolo (esclusiva)

Diego Armando MaradonaDiego Armando Maradona

Sono due allenatori molto validi, molto preparati.

Dovendo scegliere, su quale panchina si siederebbe?
Mi siederei... in mezzo. Ho veramente rispetto di questi due allenatori.

Lei ha allenato entrambi le squadre, che ricordi ha?
Il Napoli l’ho allenato due volte. Nella prima occasione arrivammo a sfiorare lo scudetto. In squadra c’era anche Rudi Krol. Nella seconda era il primo anno di Maradona al Napoli. Napoli è certamente un ambiente passionale, molto entusiasta. Ricordo che un anno dopo il terremoto in un recupero del campionato c’erano ottantamila persone al San Paolo.

E la Juventus?
La Juventus ha tifosi dovunque. In tutta Italia. Un ambiente non così passionale come il Napoli, ma che ama veramente il calcio.
 

Ha allenato Maradona, si può fare un confronto con Lavezzi? 
Lavezzi è un grande giocatore, molto dotato sia fisicamente che tecnicamente, ma Maradona era veramente un giocatore unico. Di un altro pianeta, veramente di un altro pianeta.

Cosa la colpiva di Maradona?
Voleva stare sempre in campo, alla fine degli allenamenti. Non mollava mai.

Si può fare anche un paragone tra il Napoli di Maradona e questo attuale?
Io ho avuto Maradona solo all’inizio del suo periodo al Napoli, così come altri giocatori che poi hanno fatto grande questa squadra. Indubbiamente il tasso tecnico era eccezionale. 

 

(Franco Vittadini)

© Riproduzione Riservata.