BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

PALLAVOLO COPPA DEL MONDO/ Martina Guiggi: sogno Londra, vincere lì sarebbe il massimo

Martina Guiggi, assente per i postumi di un infortunio, ci presenta l'avventura delle azzurre alla Coppa del Mondo di volley femminile, primo torneo di qualificazione alle Olimpiadi 2012.

Festa azzurra alla Coppa del Mondo 2007 (Ansa) Festa azzurra alla Coppa del Mondo 2007 (Ansa)

Una Coppa del Mondo da giocare ai massimi livelli, per questa manifestazione che si svolgerà dal 4 al 18 novembre in Giappone e darà diritto alle prime tre classificate di partecipare alle Olimpiadi del 2012 a Londra E’ questo l’obiettivo della Nazionale italiana di pallavolo, che deve riscattarsi dopo un deludente europeo dove siamo giunti solo quarti. In effetti se Brasile e Stati Uniti sembrano veramente squadre super, le altre formazioni sono alla portata delle azzurre. Ma chissà anche una grande impresa della Nazionale è possibile, anche vincere questa Coppa del Mondo, che rappresenterebbe un traguardo importante anche proprio in vista dei giochi olimpici di Londra.
Per parlare di tutto questo abbiamo sentito Martina Guiggi, che ha dovuto rinunciare a questa Coppa del Mondo per un infortunio. Non si è ancora ristabilita completamente e quindi non può dare il suo contributo alla causa azzurra. Martina da quest’anno gioca a Villa Cortese, dopo aver giocato dal 2001 al 2004 a Novara e dal 2004 al 2011 a Pesaro.Tre gli scudetti conquistati dalla giovane pallavolista toscana nelle Marche. Tra i tanti trofei conquistati da Martina c’è anche il Campionato Europeo del 2007. E ora è qui in Lombardia per portare magari il primo titolo italiano a Villa Cortese. Eccola quindi in questa intervista a ilsussidiario.net.

Come vedi questa Coppa del Mondo, ce la possiamo fare a qualificarci per Londra 2012?

La possibilità che questo avvenga c’è. In fondo le due squadre super di questa Coppa del Mondo sono Stati Uniti e Brasile, poi con tutte le altre ce la possiamo giocare.

E vincere questa manifestazione?

Nella pallavolo tutto è possibile. E non mi stupirei che l’Italia facesse l’impresa e vincesse la Coppa del Mondo. Io sarò qui in Italia a tifare per le mie compagne di Nazionale.

Quali sono i punti deboli e i punti di forza dell’Italia?

Il punto di forza è che siamo un gruppo affiatato, abituato da tempo a giocare assieme. Il punto debole è che non abbiamo potuto allenarci molto come gruppo per questo appuntamento così importante.

Quali giocatrici italiane secondo te faranno la differenza?

Certo mancherà Francesca Piccinini,ma abbiamo tante giocatrici di ottimo livello che possono fare la differenza, come Lo Bianco, Gioli, Del Core e Costagrande.

Cosa pensi della presenza di tante giocatrici italiane in campionati stranieri, può essere un vantaggio o uno svantaggio?