BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

PAGELLE/ Atalanta-Cagliari (1-0): i voti, la cronaca e il tabellino (undicesima giornata serie A)

Pubblicazione:domenica 6 novembre 2011

Stefano Colantuono (foto Ansa) Stefano Colantuono (foto Ansa)

LE PAGELLE DI ATALANTA-CAGLIARI (1-0): I VOTI, LA CRONACA E IL TABELLINO. L'Atalanta riscatta lo stop di domenica scorsa con una prestazione ad alto contenuto di grinta, determinazione e convinzione, mentre il Cagliari perde ancora (e continua a non segnare). Non la migliore partita della stagione per i nerazzurri, ma la squadra di Colantuono crea e spreca nel primo tempo, soffre e vince nella ripresa. Fa tutto Denis: quattro occasioni e zero reti nei primi 45', una e decisiva nella ripresa. Lodevole iniziativa dei tifosi dell'Atalanta, che hanno lanciato una raccolta fondi per gli alluvionati. Le formazioni sono quelle annunciate alla vigilia, con una sola novità nel Cagliari: nel ruolo di laterale basso a destra gioca il bergamasco Perico e non Pisano. Davanti, i due allenatori si affidano ai "soliti" Moralez-Denis e Thiago Ribeiro-Nené. E i segnali, almeno in casa nerazzurra, sono incoraggianti, visto che in avvio Denis crea due occasioni, una di testa e l'altra con una rasoiata dal limite: Agazzi è sorpreso in entrambe i casi, ma per sua fortuna il pallone sfiora il palo e termina sul fondo. Dopo la fiammata iniziale, però, la partita si spegne: da una parte c'è un Cagliari che non ha nessuna voglia di scoprirsi, dall'altra un'Atalanta che non riesce a cambiare ritmo, abbondando in lanci lunghi per saltare un centrocampo che non sembra in grado di variare il tema tattico. Eppure, prima dell'intervallo ancora Denis avrebbe per due volte la palla buona grazie a due ottimi assist dalle fasce, ma sul primo la palla esce nuovamente di un niente, mentre sul secondo è Agazzi ad alzare sopra la traversa. Il Cagliari del primo tempo è anche ordinato, ma assolutamente innocuo in attacco. L'unico che cerca di cambiare passo, come al solito, è Cossu, che però si sfianca su tutto il fronte offensivo, finendo costantemente per arrivare con le idee annebbiate al momento di finalizzare. Non è un caso, dunque, se la ripresa comincia esattamente come era finita la prima frazione e cioè con l'Atalanta in pressing offensivo e il Cagliari tutto chiuso dietro. E non si può dire che i nerazzurri siano fortunati, visto che proprio in avvio Masiello s'inventa la conclusione da posizione impossibile e coglie in pieno l'incrocio dei pali. E' solo il 2' e ci si prepara ad una replica del primo tempo a sole tinte nerazzurre, invece la squadra di Colantuono s'impianta e il Cagliari esce alla distanza, alzando il baricentro e cominciando finalmente a giocare.


  PAG. SUCC. >