BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

PAGELLE/ Udinese-Siena (2-1): i voti, la cronaca e il tabellino (undicesima giornata serie A)

L'Udinese torna in vetta alla classifica grazie alla vittoria per 2-1 contro il Siena. Basta ha sbloccato subito il risultato, poi Di Natale ha raddoppiato. Inutile il gol di Bolzoni.

Francesco Guidolin (foto Ansa) Francesco Guidolin (foto Ansa)

L'Udinese dimentica la brutta notte di Madrid, trova il quinto successo di fila in casa e chiude la settimana in testa alla graduatoria a braccetto con la Lazio. Impressiona per forza fisica e solidità la squadra di Guidolin, che gioca meglio ma nel finale deve resistere alla reazione del Siena, che non sfigura, giocando una gara di grande carattere. E' la prima squadra a segnare al Friuli quest'anno, con il gol di Bolzoni che riapre i giochi e rende bellissimo il finale. L'Udinese ripropone la formazione-tipo: Guidolin recupera Benatia, in dubbio fino all'ultimo, e davanti punta su Floro Flores in coppia con Di Natale, con Torje in panchina. Sannino è reduce da quattro risultati utili consecutivi e non stravolge la squadra. Davanti c'è il tandem Calaiò-Destro, con D'Agostino in mediana e Brienza esterno a sinistra. Di fronte ci sono le difese meno battute del campionato. Ma chi si aspetta una gara tattica viene subito smentito: dopo 45 secondi Di Natale crossa dalla sinistra, tiro di Floro Flores respinto, la palla arriva a Basta e il serbo non sbaglia sulla disperata uscita di Brkic. Secondo gol in campionato per lui. Il gol ha l'effetto "sveglia" per gli uomini di Sannino. Il primo tempo viene giocato con grande intensità. L'Udinese è più solida, ha maggior corsa e forza fisica e non corre grandi rischi. Mannini e Brienza ci provano da fuori area, perché la squadra di Guidolin concede pochissimo, con Benatia e Danilo in grande spolvero. E quando loro non bastano, c'è super-Handanovic, che per due volte si mette in vetrina: sulla deviazione ravvicinata di Calaiò (in fuorigioco) e sulla conclusione violenta di Destro, ben imbeccato da Calaiò. Quest'ultima rimane la miglior palla-gol dei toscani. Dall’altra parte Asamoah è il solito stantuffo, utile in copertura come in fase offensiva. Stesso discorso per Armero sulla sinistra e Isla, jolly imprescindibile per gli schemi di Guidolin. Non arrivano grandi occasioni, ma l'Udinese legittima il vantaggio tenendo decisamente meglio il campo. A inizio ripresa Sannino boccia Mannini, al cui posto entra Reginaldo. L'Udinese entra con la chiara intenzione di chiudere il match: i friulani giocano 10 minuti di fuoco. Ci provano Asamoah e Floro Flores, ma la doppia occasione clamorosa arriva al 7': altro destro da fuori di Floro Flores, Brkic fa il miracolo e sulla respinta del palo Di Natale manda incredibilmente fuori. Il Siena resiste e prende fiducia: D'Agostino manda a lato un sinistro teso su punizione.