BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

PAGELLE/ Udinese-Chievo (2-1): i voti, la cronaca e il tabellino (quindicesima giornata)

Pubblicazione:domenica 11 dicembre 2011

Francesco Guidolin, tecnico Udinese (Foto: Ansa) Francesco Guidolin, tecnico Udinese (Foto: Ansa)

LE PAGELLE DI UDINESE – CHIEVO (RISULTATO: 2-1): I VOTI, LA CRONACA E IL TABELLINO – L'Udinese non si ferma più. 2 a 1 al Chievo Verona e primato solitario agguantato in attesa del posticipo di domani. Decidono l'incontro il solito Totò Di Natale (ora capocannoniere a 10 reti) e Basta. Per il Chievo inutile la rete di Paloschi giunta a gara ormai conclusa.

SINTESI PRIMO TEMPO – Nella prima frazione di gioco non si assiste alla migliore Udinese di stagione, i friulani appaiono spenti e faticano ad avere la meglio dell'ordinata chiusura degli spazi predisposta da Mimmo Di Carlo. La squadra di Guidolin ci mette ben 33 minuti per creare il primo pericolo dalle parti di Sorrentino; ci pensa Floro Flores che imbuca un ottimo pallone per Asamoah, il diagonale del ghanese termina però a lato. L'occasione sblocca mentalmente gli uomini di Guidolin che creano nell'arco di 3 minuti altre due occasioni; prima Benatia impegna severamente Sorrentino (bravissimo nell'occasione) con una conclusione al volo su respinta della difesa clivense; poi Di Natale accende i motori e gira alto un assist servito dall'ottima sponda di Isla.

SINTESI SECONDO TEMPO – Al rientro degli spogliatoi non ci sono cambi nei 22 in campo, ad esser cambiato è però l'atteggiamento dei padroni di casa che nell'arco di un quarto d'ora sfiorano per ben due volte la rete del vantaggio. I salvataggi sulla linea di Dramè e Frey (bravissimo a togliere dalla porta una deviazione di tacco di capitan Di Natale), tengono a galla il Chievo. Un Chievo che però resiste ancora per poco, al 23esimo infatti, l'Udinese passa con l'ormai consueta firma del capitano. Isla scivola sulla destra e cross in mezzo, lì dove i 170 cm di Totò Di Natale si tendono in volo per incornare, alle spalle di Sorrentino, il pallone del vantaggio. La reazione degli ospiti è sterile e così ci pensa Basta a chiudere la partita; l'esterno serbo raccoglie un calcio d'angolo ed anticipando Dramé firma la rete del 2 a 0. Il doppio vantaggio regge per quattro minuti, poi Paloschi riapre la partita quando è troppo tardi. Finisce così 2 a 1, l'Udinese si conferma la sorpresa più bella di questo campionato e riscopre, almeno per 24 ore, il sapore della vetta.


  PAG. SUCC. >