BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

PAGELLE/ Chievo-Cagliari (2-0): i voti, la cronaca, il tabellino (sedicesima giornata)

Pubblicazione:

Mimmo Di Carlo (Foto: ANSA)  Mimmo Di Carlo (Foto: ANSA)

LE PAGELLE DI CHIEVO – CAGLIARI (RISULTATO: 2-0): I VOTI, LA CRONACA E IL TABELLINO – Missione sorpasso compiuta. Il Chievo batte il Cagliari 2 a 0 e supera i sardi in classifica allungando in maniera importante dalla zona retrocessione. Brutta giornata per gli uomini di Ballardini che al Bentegodi di Verona non si rendono mai pericolosi e capitolano sotto i colpi di Thereau e Sardo.
SINTESI PRIMO TEMPO – Per non farsi scappare una vittoria fondamentale per il prosieguo di campionato, Mimmo Di Carlo si presenta al cospetto del Cagliari con un tridente pesante in cui spicca il ritorno dal primo minuto di Alberto Paloschi, ai cui fianchi agiscono Thereau e Pellissier. Nel Cagliari falcidiato dalle assenze, invece, fa il suo esordio dal primo minuto il giovane uruguaiano Cepellini che rileva l'assente dell'ultimo minuto Ekdal. In condizioni praticamente disastrate, la squadra di Ballardini si presenta così sul suolo veneto con l'obiettivo di strappare almeno un punto dall'impegnativa trasferta e smuovere una classifica relativamente tranquilla. I piani degli ospiti però saltano al minuto 35 della prima frazione di gioco, quando una dormita generale della coppia Ariaudo-Canini spalanca le porte a Thereau; il francese, ben imbeccato da una sponda di Paloschi, si presenta a tu per tu con Agazzi legittimando, con una conclusione strozzata, il predominio territoriale mostrato dai clivensi nell'arco dei primi 45 di gioco. È la rete che di fatto stronca ogni velleità ospite, incapaci di creare pericoli dalle parti di Sorrentino, gli uomini di Ballardini non forzano ed anzi accolgono il duplice fischio di Giancola come una liberazione.
SINTESI SECONDO TEMPO – Al rientro dagli spogliatoi la storia non pare esser cambiata di una virgola; la squadra di Mimmo Di Carlo corre il doppio e copre con attenzione maniacale ogni spazio, venendo aiutata dalla lentezza della manovra ospite. Il raddoppio è così il più logico sviluppo del copione di gara. Dopo l'ennesima azione offensiva cagliaritana risolta in un nulla di fatto, Thereu decide di chiudere qui la contesa sfuggendo sulla sinistra. Arrivato in prossimità dell'area il francese disegna un cross su cui non arriva Paloschi ma che diventa ben presto buono per Sardo. La rete del 2-0 ha il sapore della sentenza perché la partita che mai era stata in bilico sin lì, diventa ancora più segnata dopo il doppio vantaggio clivense. La girandola di cambi avviata dai due tecnici non frutta sostanziali mutamenti nell'ordine delle cose. Il Cagliari proverà a dare un senso alla sua gara solo nel finale, ma incontrerà l'attenta opposizione di Sorrentino e degli uomini in gialloblù, capaci di tirare fuori una prestazione importante nel momento del bisogno. 


  PAG. SUCC. >