BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

MORTO SOCRATES/ Era stato colpito da un’infezione intestinale dovuta agli abusi di alcol

Socrates non ce l’ha fatta. L’infezione intestinale dovuta ad anni di sregolatezze ed alcol ha avuto il sopravvento. E’ morto questa mattina all’ospedale Albert Einstein di San Paolo.

Foto Ansa Foto Ansa

Socrates non ce l’ha fatta. L’infezione intestinale dovuta ad anni di sregolatezze ed alcol ha avuto il sopravvento. E’ morto questa mattina all’ospedale Albert Einstein di San Paolo. La Fiorentina, oggi in campo contro il Firenze allo stadio Franchi, giocherà con il lutto al braccio. Aveva indossato la maglia viola nel 1984, quando dopo una stagione deludente tornò in Brasile, al Falmengo, prima, e Santos, poi, dove la sua carriera ebbe fine pochi anni più tardi,nel 1988. Socrates, il cui nome per esteso era Sócrates Brasileiro Sampaio de Souza Vieira de Oliveira, era nato a Belém il 19 febbraio 1954. Laureato in medicine, era soprannominato il Dottore. Nato in una famiglia benestante, nonostante l’abilitazione non esercitò mai la professione di medico. Entra da professionista nel mondo del calcio nel 1974, nel Botafogo diRibeirão Preto. Dal 1978 al 1984 gioca nel Corinthians, dove ricopre il ruolo anche di capitano. Per tre anni, all’interno del club, fu tra i protagonisti di un singolare e inedito ammutinamento sportivo, noto come "democrazia corinthiana": in questo periodo i giocatori si autogestirono, rifiutando l’autorità del mister. Grazie anche a degli allenamenti particolarmente duri, in stile militare, riuscirono a ottenere grandi risultati. Nell’82 il Corinthians vinse il titolo, mentre i giocatori si presentarono con la scritta democrazie impressa sulle loro magliette. Socrates era fortemente appassionato di politica, militava nella sinistra, nutriva il mito di Che Guevara e più volte aveva levato la propria voce contro le dittature sudamericane. Quando approdò alla Fiorentina non fu in grado di adeguarsi ai metodi di allenamento né a fare propri gli schemi di gioco. Nel corso della stagione, fu noto che calciatore amava fare le ore piccole bevendo birra e discutendo di politica. Più volte, nel 2011, era stato ricoverato in ospedale per complicazioni all'apparato digerente e intestinale derivanti dall’abuso di alcool. Gli eccessi, a settembre, lo avevano portato ad un’emorragia intestinale e ad una cirrosi epatica Ricoverano il 3 dicembre in seguito ad una grave infezione intestinale, è morto questa notte, alle 4.30 a causa di uno shock settico.