BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

CALCIOMERCATO/ Esclusiva, Naletilic: l’ex Jugoslavia é una miniera: i retroscena su Krasic e Dzeko …

Pubblicazione:domenica 20 febbraio 2011

Krasic il miglior colpo della Juventus (Foto Ansa) Krasic il miglior colpo della Juventus (Foto Ansa)

Lei ha lavorato molto con le squadre italiane, cosa e quanto è cambiato rispetto agli anni scorsi il mercato in Italia?

 

Direi proprio tanto, basti pensare che anni fa una società come il Bari aveva in rosa calciatori del calibro di Platt, Jarni, Boban. Adesso non penso che una società come quella pugliese possa investire come allora.

 

Le squadre italiane su quale giocatore non le hanno mai dato ascolto?

Sicuramente su Edin Dzeko. Quando era al Wolfsburg, prima di diventare capocannoniere della Bundesliga, costava circa 4-5 milioni di euro. In Italia aveva giocato contro il Milan in Coppa Uefa dimostrando di avere le doti del grande giocatore, ma le società italiane non volevano investire su un giovane calciatore extracomunitario. Solo un dirigente italiano aveva già capito le qualità di Dzeko.

 

Di chi parla?

Di Rino Foschi, in quel momento però lui non poteva acquistarlo perchè era senza squadra. Mi chiamava spesso, aveva capito che sarebbe diventato un grande calciatore. Ora Dzeko è passato al City per 35 milioni di euro. Ma non è solo una colpa delle società italiane, è il mercato, il più bravo è colui che sbaglia meno.

 

Un consiglio alle società italiane?

Bisogna puntare sui giocatori giovani che costano di meno e hanno talento. E non parlo solo delle grandi squadre ma anche delle società medio-piccole.

 

Un giudizio sulla stagione di Krasic alla Juventus? Giudizio assolutamente positivo. All'inizio è partito fortissimo perchè è un calciatore di grande talento, ora sta un po' rifiatando anche perchè viene dai sei mesi giocati con la maglia del Cska Mosca e non si è mai fermato. Ma riprenderà a correre e l'anno prossimo giocherà alla grande per tutta la stagione perchè potrà riposare e fare la preparazione dall'inizio.

 

Ha già pensato a qualche calciatore da portare in Italia?

Vediamo, qualcosa si sta muovendo ma ora non si può parlare.

 

(Claudio Ruggieri)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.