BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

PAGELLE/ Udinese-Sampdoria (2-0): i voti, la cronaca, il tabellino

Udinese-Sampdoria finisce con il risultato di 2-0

Di Natale (Foto: Ansa) Di Natale (Foto: Ansa)

Udinese-Sampdoria finisce con il risultato di 2-0 e un verdetto: crisi nera (nerissima) per la Sampdoria (addirittura in odore di class-action da parte dei tifosi per quanto si è ridimensionata se si pensa che è partita dalla Champions League) e con l'Udinese che stacca il biglietto verso un sogno che si chiama Europa. La quota salvezza oramai è raggiunta, a suon di gol e bel gioco, per i sogni, beh, quelli sono poco sopra. Finché durano, per dirla con Guidolin. Ottima Udinese nel primo tempo, cuore blucerchiato nel secondo, ma il segno della partita non cambia.

Nel primo tempo, dicevamo, l'Udinese non sbaglia quasi nulla e la Samp si aggrappa al Tuma Martinez in difesa che si batte come un leone e riesce ad arginare l'azione di Di Natale e del Ninho Maravilla Sanchez. Almeno per un po'. Al quarto minuto del primo tempo doppio salvataggio di Martinez, prima sul cross di Isla e poi sul centro di Armero: palla indirizzata verso Sanchez e Martinez chiude tutto all'ultimo respiro. Fino al decimo Martinez è stato il baluardo assoluto della difesa blucerchiata, ma al 14' è Volpi a salvare la Samp in scivolata su Totò di Natale. Al 18' però l'Udinese passa: punizione dalla sinistra di Di Natale e colpo di testa di Sanchez, Curci è battuto e i friulani passano in vantaggio. La partita prosegue in modo monocolore e al 40' dopo diverse occasioni sciupate arriva il raddoppio ad opera di Di Natale: assist di Sanchez e gol numero 100 con l'Udinese.

La ripresa è caratterizzata da un inizio lento dell'Udinese e dal tentativo di reazione della Sampdoria. All'ottavo gran punizione di Ziegler che va vicino al gol. Due minuti dopo proteste doriane per un contatto in area tra Armero e Dossena, niente da fare per l'arbitro non è rigore. Di Carlo cerca di cambiare qualcosa e butta nella mischai Guberti per Tissone. L'Udinese si rende pericolosa al 18' ancora con Sanchez, ma è la Samp che sviluppa la miglior mole di gioco in questa fase della partita. Comincia la girandola delle sostituzioni ma la partita non cambia volto. Al 38' Mannini coglie la traversa con un gran tiro dal limite dell'area. è l'ultima fiammata, la partita poi si spegna tra tatticismi e grande spazio alle difese.