BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

PAGELLE/ Inter-Roma (5-3): i voti, la cronaca, il tabellino (ventiquattresima giornata)

Pubblicazione:lunedì 7 febbraio 2011

Cambiasso felice dopo il gol (Foto Ansa) Cambiasso felice dopo il gol (Foto Ansa)

INTER ROMA I VOTI, LA CRONACA, IL TABELLINO - Spettacolo a San Siro. Nella serata del "grande classico" tra Inter e Roma, le due corazzate non deludono le aspettative e inscenano una gara ricca di emozioni. Pioggia di gol e una serie di ribaltamenti in 90 minuti mai banali durante i quali si vede di tutto: reti fortunose, pregevoli tiri dalla distanza, ma anche tanti interventi dei portieri, un rigore e pure un'espulsione. Alla fine la spuntano i nerazzurrri che, con merito e caparbia, ammaestrano una Roma intermittente al termine di una gara equilibratissima che aveva tutte le caratteristiche della migliore Liga Spagnola degli ultimi tempi. I ragazzi di Leonardo fanno festa e riaprono di diritto il proprio campionato tornando a meno 5 dal Milan con la possibilità di ridurre il gap a sole due lunghezze in caso di vittoria nel recupero con la Fiorentina.

 

SINTESI PRIMO TEMPO - Niente tattiche, si gioca a viso aperto. Non passano neanche tre minuti che l'Inter trova il vantaggio grazie ad una gran botta dalla distanza del redivivo Wesley Sneijder: palla sotto l'incrocio dei pali per l'1-0 che più momentaneo non si può. La Roma non sta a guardare e prova a rispondere con la fantasia sull'asse Menez-Vucinic. Al 13' proprio il montenegrino serve Cassetti che dalla destra crossa per la zampata vincente di Simplicio: parità. Partita equilibrata e divertente, i giallorossi prendono coraggio e "rischiano" di portarsi in vantaggio con una tripla occasione firmata da Borriello e Menez ma Julio Cesar ruggisce e salva per tre volte miracolosamente siglando il preludio del concerto nerazzurro. Al 35' arriva infatti il raddoppio interista firmato da Eto'o che, con un tiro basso e defilato, infila un Julio Sergio in netto ritardo. Si va al riposo sul 2-1.

 

SINTESI SECONDO TEMPO - Che non sia una partita come le altre lo si è capito dai primi 45 minuti di calcio champagne ma, ovviamente, il bello (o brutto che sia) deve ancora venire. Minuto 62': Pazzini riceve un lancio invitante e galoppa verso la porta, sulla sua strada c'è Burdisso che lo atterra in area. Tagliavento espelle il difensore e indica il dischetto dal quale va a danzare il solito Samuel Eto'o: 3-1 e ventiseiesimo gol stagionale per lui. La Roma è frastornata e in inferiorità numerica, Ranieri toglie Menez e butta nella mischia Simone Loria, ripescato dai meandri della panchina. L'Inter è in palla e ne approfitta: al 71', su sponda di Cambiasso, Thiago Motta colpisce di testa a due passi da Julio Sergio e firma il 4-1. Partita chiusa? Macchè. Quattro minuti dopo è Vucinic ad accorciare le distanze con una deviazione vincente su punizione di De Rossi mentre all'81' l'insospettabile Loria riaccende le speranze dei giallorossi con un guizzo vincente in area nerazzurra. E' 3-4 e mancano dieci minuti al termine. Le squadre sono lunghe e si corre finchè c'è benzina: gli schemi sono saltati ma la voglia è quella dei primi minuti, se non maggiore. La Roma prova a mettere il anso in avanti con Borriello che fa a sportellate ma il sigillo vincente è di marca nerazzurra: Eto'o parte dalla destra, entra in area e mette un pallone in mezzo che Cambiasso ribadisce in rete. Il tabellino segna 5-3, è finita.

 

LE PAGELLE E IL TABELLINO DI INTER ROMA CONTINUA A LEGGERE CLICCA SOTTO


  PAG. SUCC. >