BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

GERMANIA ITALIA/ Vicini, esclusiva: Motta e gli oriundi? Dovrebbero scegliere da giovani la loro nazionale

Pubblicazione:mercoledì 9 febbraio 2011

Thiago Motta con la maglia della Nazionale (Foto Ansa) Thiago Motta con la maglia della Nazionale (Foto Ansa)

GERMANIA ITALIA - Germania – Italia, la sfida delle sfide. Stasera a Dortmund si incontrano in amichevole le due nazionali che dopo il Brasile hanno vinto più volte il Campionato del Mondo. Quattro successi per l’Italia, tre per la Germania. Una classica che vede il probabile esordio nell’Italia di Thiago Motta oltre al ritorno di Buffon e di Antonio Cassano. Di tutto questo ci parla Azeglio Vicini, che condusse l’Italia al terzo posto nei Mondiali del 1990, sconfitto ai rigori solo dall’Argentina di Maradona. Eccolo in questa intervista in esclusiva a ilsussidiario.net.

 

Vicini cosa ne pensa di questa apertura ai giocatori oriundi della Nazionale italiana?

Personalmente preferirei utilizzare giocatori nati in Italia, ma certo le cose stanno cambiando molto in questi ultimi anni.

 

In che senso?

Tante nazionali utilizzano calciatori oriundi: calciatori non nati e cresciuti nel loro paese.

 

Secondo lei è giusto questo cambiamento di regole nel calcio contemporaneo?

Credo che definirlo sbagliato potrebbe voler dire cosa esagerata. Infatti ci sono i casi in cui un calciatore è figlio di due genitori di nazionalità diversa e quindi ha tutto il diritto di scegliere per quale nazionale giocare. Poi c’è anche il caso di calciatori che sono cresciuti in determinate nazioni e ne hanno fatto il loro paese adottivo.

 

Qualche eccezione?

Forse gli organismi internazionali che presiedono il calcio mondiale dovrebbero chiedere a ciascun calciatore di scegliere la nazionale in cui giocare, da giovani. Si eviterebbero quindi cambiamenti di maglie in un’età troppo avanzata per un atleta.

 

E poi?

Un altro problema è che nelle varie squadre italiani ci sono troppi stranieri. Ma questo è un altro discorso...

 

ITALIA GERMANIA IL PUNTO DI VICINI CONTINUA A LEGGERE CLICCA SOTTO


  PAG. SUCC. >