BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

PAGELLE / Milan-Napoli (3-0): i voti, il tabellino e la cronaca (27° giornata)

Pubblicazione:

Patissimo a San Siro  Patissimo a San Siro

MILAN

 

ABBIATI s.v. Spettatore non pagante, ma sotto l’acqua. Strano nessuno si sia impietosito dandogli un ombrello.

ABATE 6 Meno straripante delle ultime occasioni. Si limita al compitino

ODDO s.v.

NESTA 6 Il fido Thiago Silva tiene a bada Cavani e il vecchio Sandro può tirare i remi in barca senza che nessuno gli possa rimproverare nulla

THIAGO SILVA 7 Cavani chi? Il torello brasiliano cancella il Matador dall’arena, non facendogli praticamente toccare palla.

JANKULOVSKI 6 Torna sul palcoscenico dopo tanto tempo, ma non si emoziona. Prova più che dignitosa

EMANUELSON s.v.

GATTUSO 6,5 Solito mastino azzanna caviglie. Manda in tilt Gargano con il suo pressing.

VAN BOMMEL 7 Alla faccia del vecchietto inutile. L’olandese è una diga insormontabile e se si concede pure qualche preziosa sortita offensiva significa che è davvero in forma.

FLAMINI 6 Allegri lo vuole più proiettato in avanti, ma se non aggiusta il piede serve a poco. Appuntamento con il fabbro in settimana? Meglio quando deve andare a caccia di gambe e pallone.

ROBINHO 5 Fa tanta confusione nel primo tempo e sbaglia un paio di passaggi di troppo. Quando esce nella ripresa, il Milan decolla.

BOATENG 7 Un martello. Corre, segna, spezza la partita. Ingresso determinante.

PATO 7,5 Primo tempo della serie “vorrei, ma non posso”. Entra nell’azione del rigore, poi assiste Boateng per il 2-0 e chiude in bellezza con la perla del 3-0. Quando ha spazio è devastante.

IBRAHIMOVIC 6 Vuole battere il record di Mazzarri e passa più tempo a lamentarsi che a giocare. Lui però non lo fa con l’arbitro, ma con i compagni (e in particolare con Pato). Glaciale dal dischetto, poi lascia la scena agli altri. Per una volta non è lui il protagonista.

 

ALL. ALLEGRI 6,5 45 minuti di solfeggio, poi il suo Milan inizia a suonare. E il Napoli balla la rumba. Azzecca la mossa Boateng: altro che Ibra dipendente, il suo Milan non può prescindere dal Boa ghanese.

 

CLICCA QUI SOTTO PER LEGGERE LA PAGELLA DEL NAPOLI



< PAG. PREC.   PAG. SUCC. >