BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

MILANO SANREMO/ Chiappucci esclusiva: punto su Nibali ma non mi piace questo ciclismo moderno

CLAUDIO CHIAPPUCCI traccia un bilancio della classica di Primavera ma rimpiange il ciclismo di un tempo, fatto di attacchi, sudore e spettacolo                 

Nibali uno dei favori di stagione per Chiappucci (Foto Ansa) Nibali uno dei favori di stagione per Chiappucci (Foto Ansa)

ESCLUSIVA MILANO SANREMO – Si corre oggi una delle classiche della stagione del ciclismo italiano. Prende il via oggi la Milano Sanremo che arriva dopo la chiusura della Tirreno Adriatico che ha visto l’australiano Evans vincere. Abbiamo chiesto a Claudio Chiappucci, in esclusiva a ilsussidiario.net, un commento sulle attese per la stagione e un pronostico sulla corsa.

 

Chiappucci come vede questa stagione del ciclismo italiano? Quali saranno i protagonisti?

Vedo un corridore sopra tuttì gli altri. E’ Vincenzo Nibali, uno in grado di fare la differenza.

 

Quindi è lui il candidato a fare grandi cose in questo 2011? Può vincere grandi corse a tappe o classiche in linea di notevole importanza?

Nibali può fare veramente di tutto. Vincere sia al Giro, che al Tour, che nelle classiche di un giorno.

 

Dove si deciderà questa Sanremo secondo lei?

Dipende da tante cose. Certo se uno vuole fare la differenza deve partire da lontano. Penso che già il Poggio sia troppo vicino all’arrivo.. Bisognerebbe programmare un attacco già sul Turchino.Anche se di questi tempi si corre molto al coperto e si preferisce un ciclismo molto calcolatore.

 

Dei velocisti cosa pensa, da Cavendish a Freire, a Petacchi, possono anche loro vincere la Classica di Primavera?

Negli ultimi anni sono stati spesso loro i protagonisti della Sanremo. Credo però che Freire abbia qualche possibilità in più

 

Poi arriveranno le classiche del nord, come bisogna correrle per vincere?

All’attacco, cercando di essere sempre tra i primi. Sono corse dure, per veri protagonisti del ciclismo, non concedono sconti. Questa è la giusta mentalità per affrontarle nel migliore dei modi.

 

MILANO SANREMO CONTINUA A LEGGERE CLICCA SOTTO


COMMENTI
19/03/2011 - Pomeriggio sanremese (Giuseppe Crippa)

Da questa bella intervista di Franco Vittadini emerge un indimenticato Chiappucci giustamente nostalgico del suo modo di fare ciclismo, sempre appassionante per noi spettatori! Mi auguro di poter seguire una bella Sanremo, che veda vincitore un outsider italiano non menzionato dal ”diablo” (come Scarponi ad esempio). Temo però che Gilbert metta d’accordo tutti… Spero infine che la serata sia coronata da un bel commento alla corsa di Gigi Crema.