BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SERIE B/ 32esima giornata: cronaca, gol e assist delle partite di oggi

Pubblicazione:sabato 19 marzo 2011

Cristiano Doni Cristiano Doni

SERIE B: TRENTADUESIMA GIORNATA: I GOL, GLI ASSIST E TUTTE LE SINTESI DELLE GARE DI OGGI - All'Atalanta bastano 12 minuti per schiantare il Piacenza e continuare la propria fuga solitaria in vetta alla classifica. Con una buona notizia giunta da Vicenza: la vittoria dei padroni di casa contro il Novara sulla linea del traguardo. I piemontesi crollano così a 8 lunghezze dalla vetta e sono incalzati dal Varese, incapace però di avere la meglio sul campo della Triestina, ultima della classe. Buon successo esterno del Siena a Crotone, così come da segnalare, in chiave salvezza, le vittorie pesanti di Frosninone, Ascoli e Portogruaro. Crolla ancora il Torino. Si chiude lunedì sera con Empoli-Reggina.

 

Atalanta-Piacenza (3-0): una vittoria nel segno di Cristiano Doni. Il bomber orobico trasforma i due rigori concessi alla squadra nerazzurra e tiene i suoi a +5 dal Siena, secondo in classifica. Di Ruopolo, su assist di Tiribocchi la rete del definitivo 3 a 0. Il tutto in 12 minuti. In occasione della prima segnatura il capitano è freddissimo dagli undici metri: gran botta di destro che si insacca sotto l'incrocio alla sinistra del portiere piacentino. Sul secondo penalty cambia la modalità di tiro, ma non la sostanza: palla indirizzata all'angolino basso e doppietta per lui. La rete, sul finire della prima frazione, di Ruopolo ha in Tiribocchi un sapiente rifinitore: palla morbida nel cuore dell'area che chiede solo di essere spinta in porta. E Ruopolo lo fa.

 

Cittadella-Ascoli (0-1): un Ascoli corsaro sbanca Cittadella in un vero e proprio spareggio salvezza. Il gol decisivo porta la firma di Luigi Giorgi, abile a scaricare alle spalle di Villanova un gran sinistro da centro area con palla che si insacca nell'angolino in basso a sinistra. Buona parte del merito va anche a Robert Feczesin, autore del pregevole assist trasformato in oro dal compagno. Ascoli e Cittadella sono adesso separate in classifica da soli 3 punti. La lotta per non retrocedere è apertissima.

 

Crotone-Siena (1-2): neanche il tempo di sedersi in poltrona che il Siena passa in vantaggio. Al primo affondo, dopo circa un minuto di gioco, l'ex nerazzurro Bolzoni serve un assist dolce come lo zucchero a Franco Brienza, che si presenta puntuale all'appuntamento con il gol: botta di sinistro da fuori area dopo uno slalom esaltante e palla indirizzata all'angolino in basso a destra. La rete del momentaneo 2 a 0 porta l'autorevole firma di Reginaldo, che sfrutta al meglio l'assist di Sestu scagliando alle spalle di Belec un pregevole tiro di destro, da posizione defilata, che si insacca all'angolino basso. Il Crotone accorcia ma non conclude l'opera di rimonta: il gol di De Giorgio, su assist di Caetano, è da applausi per il coefficiente di difficoltà, ma non basta a salvare i suoi.  

 

Frosinone-Torino (1-0): il Torino non sa più vincere. E la situazione di classifica comincia a farsi preoccupante: la serie A è sempre più lontana. La rete che condanna i granata arriva al decimo della ripresa ad opera di Dario Biasi, che scaglia alle spalle di Rubinho un gran sinistro, dal limite dell'area granata, dopo un'azione confusa in area torinese scaturita dagli sviluppi di un calcio d'angolo. Il Torino, punito oltre i propri demeriti, tenta la via del gol fino alla fine: ma Frison e la disperata necessità di punti dei padroni di casa hanno la meglio sulle velleità dei torinesi.

 

Vicenza-Novara (1-0): i veneti vincono all'ultimo respiro. Sul cronometro del direttore di gara scorre il minuto 89 di gara quando Bastrini estrae dal cilindro il numero sensazione su punizione: un sinistro a giro sotto la traversa da posizione molto defilata (praticamente un corner corto) che manda il Menti e i suoi tifosi in visibilio. In occasione del gol restano però forti dubbi su una presunta "carica" subita dal portiere Ujkani ad opera di un giocatore vicentino. L'arbitro lascia correre e il Vicenza porta a casa tre punti pesantissimi.

 

Livorno-Grosseto (1-1): accade tutto nella ripresa. Dopo una prima frazione povera di emozioni in zona gol è Belinghieri, al quarto minuto, a regalare ai suoi tifosi la gioia del gol: su assist di Luci, bravo a mettere sui piedi del compagno un pallone morbido da oltre 20 metri, l'attaccante livornese fà un gran numero in palleggio e mette alle spalle del portiere ospite la palla del vantaggio con un destro secco e preciso dal limite. Il gol del pari, arrivato in pieno recupero, porta la firma di Ferdinando Sforzini: l'attaccante è freddissimo dal discetto e mette alle spalle di De Lucia, con la complicità del palo, la palla del definitivo 1 a 1.

 

Pescara-Padova (0-2): un Ardemagni da serie A sbanca Pescara e regala ai veneti una giornata di grandi emozioni. La prima rete è soprattutto merito della lucidità del compagno De Paula, abile a servire a centroarea l'accorrente Ardemagni dopo una fuga solitaria di oltre 30 metri. Per il padovano è un gioco da ragazzi mettere alle spalle, seppur pressato, di Pinna la palla del vantaggio. Il raddoppio, al terzo minuto di recupero, è la classica azione di contropiede: cavalcata solitaria di 20 metri e Pinna battuto con un destro rasoterra sull'uscita vana e tardiva. Un Padova da applausi.

 

Portogruaro-Albinoleffe (2-1): i padroni di casa si portano in vantaggio al decimo del primo tempo grazie alla realizzazione di un penalty concesso giustamente loro. Dal dischetto è Marco Cunico a prendersi la responsabilità: nessuna paira, tiro basso e preciso e Portogruaro in vantaggio. Neanche il tempo di festeggiare che gli ospiti rimettono a posto le cose: Paolo Grossi è bravissimo, su assist di Cissè, a mettere alle spalle di Rossi il sinistro dal limite che vale il pareggio. Il gol vittoria porta la firma di Altinier, abile a sfruttare una mezza papera del portiere ospite che non trattiene un tiro scagliato con veemenza da oltre 30 metri.

 

Triestina-Varese (1-1): l'ottimo Miramontes per poco non gioca un bruttissimo scherzo ai varesini. Sull'assist di Agomeri, l'attaccante triestino è bravissimo a beffare una difesa ospite parsa lenta ed impacciata, incapace di intervenire con decisione su una palla lenta che attraversava tutta l'area di rigore. Palla dentro e 1 a 0. Ma quando la Triestina sognava i tre punti, ecco che, allo scadere, De Luca trovava la via del pareggio: sull'assist al bacio di Zecchin, l'attaccante varesino era abile a girare di prima alle spalle di Colombo il gol del pareggio.



© Riproduzione Riservata.