BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Calcio e altri Sport

MILAN/ Rossoneri furiosi: disparità di trattamento fra Pazzini e Ibrahimovic!

C’è tanta rabbia in casa Milan. Secondo le ultime indiscrezioni circolanti la società rossonera sarebbe infuriata con la categoria arbitrale per via di una disparità di trattamento ricevuta.

Zlatan Ibrahimovic, attaccante Milan (Foto Ansa)Zlatan Ibrahimovic, attaccante Milan (Foto Ansa)

SERIE A MILAN INTER – C’è tanta rabbia in casa Milan. Secondo le indiscrezioni raccolte da Il Corriere dello Sport la società rossonera sarebbe infuriata con la categoria arbitrale per via di una disparità di trattamento ricevuta. La capolista recrimina contro la rete di Giampaolo Pazzini in Inter-Lecce, identica a quella annullata ad Ibrahimovic durante il match contro il Bari. Secondo il Milan, infatti, anche il gol del nerazzurro è viziato da un fallo di mano e di conseguenza il Pazzo sarebbe dovuto essere stato ammonito e saltare il derby, oltre che la rete venire annullata. Lo svedese non ha di certo ricevuto lo stesso trattamento e secondo l’ambiente rossonero il giallo rifilatogli lo avrebbe fatto innervosire portandolo poi al gestaccio contro Rossi. Ed a proposito della manata il verdetto relativo alla squalifica dello svedese arriverà nella giornata di venerdì. Il Milan spera in uno sconto sulla pena, magari, di una sola giornata. A quel punto il Diavolo potrebbe contare su Ibra per il derby, una gara che sarà molto importante per il proseguo della stagione.

Ieri è uscito allo scoperto Gennaro Gattuso, che commentando l’episodio di Pazzini ha ammesso: «Se c’è stato l’errore dell’arbitro sono pronto ad accettarlo, penso sempre che siano in buona fede». Rino ha aggiunto: «In questo momento non basta quello che stiamo facendo. Le colpe sono nostre, abbiamo buttato via il campionato e adesso è riaperto. Non temo che lo scudetto scappi via, ma dobbiamo dare di più. Abbiamo preso due gol ingenui e davanti dobbiamo essere più concreti. Nelle ultime due partite abbiamo un fatto un punto e le preoccupazioni ora ci sono»

© Riproduzione Riservata.