BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

FLAVIA PENNETTA/ Esclusiva - L'obiettivo? Vincere a Roma. Il sogno? Wimbledon

Pubblicazione:domenica 6 marzo 2011

Flavia Pennetta felice (Foto Ansa) Flavia Pennetta felice (Foto Ansa)

ESCLUSIVA TENNIS FLAVIA PENNETTA - Flavia Pennetta è stata la prima tennista italiana ad entrare tra le prime dieci giocatrici del mondo, il 17 agosto del 2009. Nata a Brindisi il 25 febbraio 1982, ha nel suo palmares 9 tornei WTA di singolare e 14 tornei di doppio, tra cui il prestigioso WTA del Tour Championships 2010 e l’Australian Open. Con la squadra italiana ha conquistato la Federation's Cup nel 2006, 2009 e 2010. Attualmente è numero quindici del mondo nel singolare, mentre il 28 febbraio 2011 è diventa la numero 1 nel doppio. Bella e vincente, eccola in questa intervista in esclusiva a ilsussidiario.net

 

Non è facile entrare a far parte, delle prime dieci giocatrici del mondo. Ci vuole più talento, o più spirito di sacrificio?

Credo che sono indispensabili tutte e due. L’unione del talento e di tanta voglia di combattere mi hanno portato a entrare tra le prime dieci del mondo. Per essere una forte giocatrice di tennis sono fondamentali entrambi gli elementi.

 

In particolare il tennis è uno sport di “testa” dove autogestirsi è veramente difficile. Sempre in giro il mondo, con la necessità di essere concentrati in ogni occasione...

E' vero, ci vuole grande forza di volonta' ma ormai mi sono abituata a questo tipo di vita e per me non è un problema.

 

Per te è un buon momento, soprattutto in Federation Cup: dopo la vittoria ottenuta in Australia abbiamo la possibilità di rivincere questa manifestazione. E’ stata grande la tua prestazione proprio nella sfida con l’Australia…

Vincere in Australia non è stato facile. Io penso di aver giocato bene, di aver mostrato un buon tennis. Soprattutto con la Stosur sono riuscita ad esprimermi al meglio. Ora ci attende una partita difficile con la Russia. Non sarà facile, ma proveremo a fare il massimo. In questi anni abbiamo fatto cose importanti in Federation Cup, aver raggiunto un’altra volta la semifinale è un grande risultato.

 

FLAVIA PENNETTA SI RACCONTA CONTINUA A LEGGERE CLICCA SOTTO


  PAG. SUCC. >