BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

ESCLUSIVA/ Meluzzi (psichiatra): Milan, Inter, Napoli, lo scudetto si vince di testa

Pubblicazione:mercoledì 13 aprile 2011

Alessandro Meluzzi (fonto Ansa) Alessandro Meluzzi (fonto Ansa)

ESCLUSIVA ALESSANDRO MELUZZI: - Arrivano le partite determinanti della stagione e oltre ai piedi e al fiato conterà moltissimo la testa per raggiungere gli obiettivi inseguiti un anno intero. Ilsussidiario.net ha chiesto ad Alessandro Meluzzi, noto psichiatra e opinionista televisivo, come si gestisce lo stress e si affrontano le grandi sfide, dal Milan che deve rispondere agli attacchi delle inseguitrici, all'Inter chiamata all'impresa in Chalmpions League, fino al Napoli che sta letteralmente facendo impazzire una città.

 

Il Milan capolista ha molta pressione addosso: deve vincere e guardarsi le spalle. Come si gestisce questa pressione quando si è in pole position?

Sicuramente chi è davanti è obblicato a vincere sempre, che è la più stressante delle condizioni. Un po' come succede ai leader politici o ai grandi manager,  sono ruoli in cui nessuna situazione  può essere affrontata con leggerezza.

 

La pressione è anche su chi insegue?

Inevitabilmente sì, soprattutto se chi insegue si ritiene candidato al sorpasso. E quindi lo stress si risolve nello scontro tra il leader e l'outsider, questo rimanda alla competizione nella sua condizione originaria: quella del duello, dell'attacco-fuga, del predatore-predato e di tutte quelle situazioni archetipiche di stress che spesso si risolvono in una condizione di scontro uno contro uno.

 

Quindi le situazioni "di gruppo" sono meno stressanti?

Certo, perchè tutte le situazioni corali sono meno stressanti: negli sport a due, come il tennis e il pugilato, i carichi di tensione sono ancora superiori

 

L'Inter, attesa dal match in Germania, compatta l'ambiente: quanto è importante il ruolo del gruppo?

Nel gruppo lo stress si distribuisce, quindi diminuisce. Ma si presenta il problema opposto: bisogna tenere la "temperatura" ad un livello elevato, perchè il rischio è quello che ogni elemento della squadra ritenga che il massimo dello sforzo debba toccare ad un altro.

 

E' un rischio che vede?


  PAG. SUCC. >