BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

CALCIO/ Inter e Milan, ultras contro Letizia Moratti

In segno di protesta contro l'introduzione della tessera del Tifoso voluta dal ministro Maroni, gli ultras avrebbero "scelto l'astensione, oppure il Terzo Polo e persino Pisapia".

Letizia Moratti (foto Ansa) Letizia Moratti (foto Ansa)

Correva l'anno 1982 quando le Curve di Inter e Milan siglarono un famoso "patto di non belligeranza". Da allora il giorno del derby non ha più registrato problemi di ordine pubblico, ma è stato "giocato" solamente all'insegna della goliardia e degli sfottò tra tifosi. Come leggiamo sulle pagine della Gazzetta dello Sport, anche Josè Mourinho rimase impressionato dal clima di traquillità che aleggiava su Milano il giorno della stracittadina ("interisti e milanisti vanno allo stadio insieme e non succede nulla di violento"). E le tifoserie avrebbero rinsaldato questa comunanza di intenti anche in chiave elettorale, voltando le spalle ai tradizionali partiti sostenuti (la Curva Nord è da sempre schierata a destra, mentre la Curva SUd non ha una chiara connotazione politica) schierati con il centrodestra. Sempre la rosea riporta la spiegazione dei tifosi: "La Lega Nord ha tradito chi l'aveva votata. L'introduzione della Tessere del Tifoso è stato per noi un provvedimento per noi assurdo. Un'imposizione. Adesso anche l'opinione pubblica comincia a rendersene conto. Noi non siamo pupazzi per le loro attività di commercio e, soprattutto, vogliamo continuare a seguire il calcio con passione, da uomini liberi".

CLICCA SUL SIMBOLO >> PER CONTINUARE A LEGGERE LA NEWS SUGLI ULTRAS DI MILANO E IL VOTO ALLE ELEZIONI