BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

NUOTO/ Esclusiva Federica Pellegrini: vincere a Londra e Shangai per battere la "cosa"

Pubblicazione:venerdì 6 maggio 2011 - Ultimo aggiornamento:venerdì 6 maggio 2011, 13.07

Federica Pellegrini (Foto Ugo Zamborlini) Federica Pellegrini (Foto Ugo Zamborlini)

Londra 2012: un pensiero alle Olimpiadi?

Tutti i giorni. Londra è il mio obiettivo sportivo più grande in questo momento.

 

E dopo Londra cosa farai, pensi di continuare fino a Rio 2016 o fare la mamma come hai detto spesso?

Per adesso ho come traguardo Londra 2012. Potrei sempre decidere di continuare ma voglio prima concentrarmi sul 2012 e vedere come vanno queste Olimpiadi e come mi sento.

 

Cosa consigli a tutti quei ragazzi che vogliono emulare i tuoi trionfi nel nuoto?

Consiglio ai giovani di tuffarsi a capofitto nello sport perché è fonte di puro insegnamento di vita. Per vincere nel nuoto, come nello sport, devono impegnarsi con caparbietà e costanza senza farsi abbattere dalle difficoltà e dagli ostacoli che sicuramente incontreranno in un percorso difficile, fatto di rinunce ma anche di grandissime soddisfazioni.

 

Fai sempre fatica con questo problema degli attacchi di panico, ma alla fine riesci sempre a essere la numero uno del nuoto. Come vivi questo problema così difficile?

Certamente non è panico, forse è ansia. Io la chiamo la “cosa” e ci convivo, nel bene e nel male.

 

Sei con Valentino Rossi l’atleta più famosa in Italia: ti pesa la popolarità?

No, affatto. Anzi, è proprio l’amore dei miei fan a darmi la forza, alimentare la mia motivazione e spingermi a fare sempre meglio.

 

(Franco Vittadini)

 

 

 

GUARDA LA FOTOGALLERY CON FEDERICA PELLEGRINI



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.