BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

GIRO D’ITALIA/ Esclusiva Bugno: Nibali l’anti Contador. Doping? Comincino ad indagare anche altrove…

Pubblicazione:sabato 7 maggio 2011

Nibali vincitore alla Vuelta (Foto Ansa) Nibali vincitore alla Vuelta (Foto Ansa)

94° GIRO D’ITALIA - Finalmente parte. Oggi a Torino inizia il Giro d’Italia, la corsa rosa, quella che fa accendere la passione dei tifosi del ciclismo e non solo del ciclismo. Per parlare del Giro abbiamo scelto un grande corridore, uno che l’ha vinto nel 1990. E’ Gianni Bugno, che vanta, nel suo palmares, tra i suoi successi più importanti anche una Milano – Sanremo, un Giro delle Fiandre e due Campionati del Mondo nel 1991 e nel 1992. Oggi Bugno è Presidente del Sindacato Mondiale dei corridori professionisti. Eccolo in questa intervista in esclusiva a ilsussidiario.net

 

Bugno, come vede questo Giro? E’ quello dei centocinquant’anni: riuscirà un corridore italiano a battere Contador?

Penso che l’unico che possa essere in grado di fare questo sia Vincenzo Nibali.

 

A proposito di Nibali: questo Giro può essere l’inizio per lui di una carriera da vero campione del ciclismo?

Nibali ha già dimostrato grandi cose, vincendo la Vuelta l’anno scorso. Ma indubbiamente per diventare un campione a tutti gli effetti deve assolutamente vincere anche un Giro d’Italia.

 

E Contador come la giudica? Lei ha corso con Miguel Indurain, lo spagnolo è forte come lui?

Direi che sono tutte e due grandi campioni del ciclismo, anche se certo bisogna considerare le diverse epoche in cui hanno corso.

 

Quali saranno gli altri protagonisti della corsa rosa?

Direi Scarponi, Menchov, Sastre.

 

Il Giro 2011 parte da Torino e arriva a Milano. L’inizio e l’arrivo in due grandi città. E’ un bene per questo sport?

Penso proprio di sì. Non fa altro che accrescere la popolarità di questo sport. Basta vedere quante migliaia di persone sulle strade e nelle piazze saluteranno la carovana rosa.

 

GIRO D’ITALIA IL PUNTO DI BUGNO CONTINUA CLICCA SOTTO


  PAG. SUCC. >