BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

TENNIS/ Internazionali d'Italia, esclusiva Barazzutti: caccia all'anti Nadal, la Schiavone può vincere

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Rafa Nadal, foto Ansa  Rafa Nadal, foto Ansa

TENNIS INTERNAZIONALI D'ITALIA  - E’ l’appuntamento più importante del tennis di casa nostra. Gli Internazionali d’Italia mai come quest’anno vedono al via giocatori e giocatrici di grande valore tecnico. Tra gli uomini il tennista spagnolo Rafael Nadal è superfavorito. Tra le donne ci aspettiamo molto da Francesca Schiavone e Flavia Pennetta. Per parlare di tutto questo abbiamo sentito Corrado Barazzutti, attualmente commissario tecnico sia della nazionale maschile, che di quella femminile . Eccolo in questa intervista in esclusiva a ilsussidiario.net.

 

Barazzutti, sembra che Nadal sia ormai imbattibile sulla terra rossa, dopo i successi di Montecarlo e Barcellona. Sarà così anche a Roma?

In effetti Nadal è veramente di un’altra categoria sulla terra rossa. Proprio di un altro livello, quindi difficile da battere, credo quindi che anche a Roma sarà così. E’ un giocatore incredibile, che anche al di là della terra si difende bene su ogni tipo di superficie. Ha vinto anche a Wimbledon: lui e Federer sono tra i giocatori in attività, quelli che sono già entrati a far parte della storia del tennis di tutti i tempi.

 

Djokovic e Federer possono essere in grado di rivaleggiare con il tennista spagnolo?

Credo che attualmente e su questo tipo di superficie solo Djokovic sia in grado di rivaleggiare con Nadal. Forse è anche l’unico giocatore che può cercare di strappargli il successo finale.

 

Come si batte Nadal?

Bisogna avere un buon servizio, avere una buona prima palla. Mettere in campo un gioco vario e puntare sull'attacco.

 

Quali possono essere invece gli outsider di Roma 2011?

Soderling potrebbe fare molto bene. Poteva fare molto bene Del Potro che è sicuramente un ottimo giocatore ma dovrebbe rientrare solo a Parigi. Al Roland Garros sono convinto che dimostrerà tutto il suo valore.

 

Gli italiani invece che ruolo possono recitare?

Certo, è difficile che possano vincere. E’una cosa da sogno, quasi irrealizzabile. La mia speranza è che possano andare avanti il più possibile.

 

ROMA, INTERNAZIONALI D'ITALIA INTERVISTA A CORRADO BARAZZUTTI CONTINUA CLICCA QUI SOTTO


  PAG. SUCC. >